Passa ai contenuti principali

Recensione - 500 chicche di riso di Alessandro Pagani


Recensione - 500 chicche di riso
di Alessandro Pagani


Titolo: 500 CHICCHE DI RISO

Autore: Alessandro Pagani 

Prefazione di Cristiano Militello

Immagine di copertina e illustrazioni di Massimiliano Zatini

Editore: 96, Rue De La Fontaine

Collana: Juste pour rire

Genere: umoristico - ironico - intrattenimento

Formato: cartaceo

ISBN: 978-88-9399-006-6

Anno di pubblicazione: 2019

Pagine totali 116  - Carta copertina patinata opaca 300 grammi - Rilegatura brossura fresata

Biografia autore
Alessandro Pagani

Alessandro Pagani, nato a Firenze nel 1964, è scrittore e musicista.

Durante gli anni '80 ha fatto parte del movimento artistico underground fiorentino Pat Pat Recorder, esperienza che lo ha portato sin dal 1988 ad iniziare un percorso come musicista con svariati gruppi tra i quali Stropharia Merdaria, Parce Qu'Il Est Triste, Hypersonics, (con cui ha partecipato ad Arezzo Wave nel 1990), Subterraneans, Malastrana e successivamente con i Valvola, assieme ai quali ha fondato nel 1997 l'etichetta discografica Shado Records, attiva fino al 2007. Attualmente è batterista del gruppo rock Stolen Apple, che ha fatto uscire l'album di debutto "Trenches" a Settembre 2016. 

Nel 2019 ha vinto il terzo premio al concorso della Asl Toscana "Libera la mente e scrivi", è ideatore della pagina "Meme o non m'eme" su Facebook ed una sua frase umoristica appare sull'agenda 2019 di Comix .

Trama romanzo

Cinquecento chicche che esplorano, grazie a giochi di parole, fatti, personaggi e situazioni per raccontare circostanze paradossali, inspiegabili coincidenze, incongruenze non previste e gli aspetti più comici, surreali e grotteschi del nostro mondo.

Mia recensione

Da accanita lettrice posso solo dire di non aver mai letto un libro umoristico, almeno, non incentrato totalmente sui giochi di parole e sulle barzellette, perché per me la lettura è un momento privato che mi permette di scoprire altri mondi e di sintonizzarmi con la mia coscienza, ma non per questo ho apprezzato meno questo testo.

All'inizio della lettura non sapevo cosa aspettami e l’impatto generico del testo mi ha lasciata un po’ basita, ma ciò è durato solo una frazione di secondo, perché poco dopo sono stata risucchiata in un mondo fatto di risate e di spensieratezza. 

Una lettura che sebbene possa sembrare spassionata, invece va affrontata come qualsiasi altro genere, poiché le sottigliezze presenti nelle varie barzellette hanno bisogno di essere scovate e comprese. 

Ogni singolo personaggio, perché ogni battuta ha un carattere diverso, è pasticcione, distratto, ridicolo e una caricatura ben riuscita. 

La realtà delle parole è ricca di imprevisti, paradossale e piena di equivoci. 

Le parole in sé hanno doppi sensi e sono battute di spirito che costringono il lettore a ridere e a lasciarsi coinvolgere dal buon umore. In conclusione posso dire che il libro mi è piaciuto e che merita di essere letto senza preconcetti e con la mente aperta a nuove scoperte.

Nota autrice

Cosa ne pensate? 
Avete mai letto un libro umoristico?




Commenti

Post popolari in questo blog

Analisi del racconto " Il cuore rivelatore " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il cuore rivelatore " di Edgar Allan Poe
La storia viene raccontata dal punto di vista del narratore di cui non viene specificata l'età, o il nome, le caratteristiche fisiche e nemmeno viene narrato il suo passato, praticamente non sappiamo nulla di questo personaggio o la sua collocazione spaziale e temporale, il protagonista si rivela in rapporto a un'unica attività, condotta in solitudine e in isolamento.
Ciò che ho potuto constatare di quest'uomo sono le sue condizioni psicologiche e caratteriali nei momenti salienti del racconto:
- Durante il resoconto: Trepida attesa ed ossessionato dall'occhio del vecchio,
- Nell'attesa notturna: Ossessionato e irrequieto nel preparare l'omicidio,
- Nel momento dell'omicidio: Distaccato e sollevato di aver posto fine al suo unico obbiettivo,
- All'arrivo della polizia: Fiducioso e senza nulla da nascondere,
- Nei momenti che precedono la confessione: Turbato e perseguitato dal su…

Analisi del racconto " La maschera della morte rossa " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " La maschera della morte rossa "  di Edgar Allan Poe
Vorrei solo esprimere una considerazione personale prima di iniziare l'analisi del testo.
Dei molti racconti di Edgar Allan Poe questo è quello che più mi ha incollato alle pagine e consiglio vivamente a tutti di leggere almeno una delle storie del poeta Americano. Studiare i classici aiuta a migliorarsi, non dimenticatelo mai.
Il racconto inizia con la spiegazione delle pestilenza della morte rossa, presente nel paese in cui si svolge la storia e quindi il principe decide di rintanarsi al sicuro insieme a persone scelte da lui stesso nel castello di sua proprietà.
L'atmosfera festosa crea da subito una corsa contro il tempo che è palese dall'inizio del racconto. Si percepisce inoltre un'opposizione tra il mondo esterno distrutto dalla morte rossa e l'interno del castello che sta a significare rifugio, protezione e sicurezza.
Come dicevo prima, si capisce sin da subito della prese…

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Italo Svevo e Luigi Pirandello a confronto

Italo Svevo e Luigi Pirandello a confronto
Questo articolo vuole ricordare due grandi scrittori e mettere a confronto lo stile artistico di un'epoca molto differente dalla nostra.  Giusto perché non sono capace di stare zitta! 
Partiamo dal principio: Lo sapete che sono nati con sei anni di differenza? 
Svevo: 1861 --- > Una interessante riflessione è il fatto che quest'uomo usò lo pseudonimo per lodare la sua doppia provenienza; da padre tedesco e madre Italiana. Inoltre Svevo fu perseguitato dai critici letterari per la difficoltà con cui padroneggiava la nostra lingua. Pur troppo, proprio così scrisse Italo, per i critici, la sua mancanza non gli impedì di far emergere il suo impareggiabile talento. 
Qual è il vero nome di Svevo? Chi lo sa? H...Qualcosa...Mi pare. 
Pirandello: 1867 --- > Una curiosità, oltre al fatto che la moglie venne chiusa in manicomio, è che un destino tragico toccò anche al figlio Stefano, imprigionato dagli austriaci. 
In quale modo questi avve…

Analisi del racconto " Il gatto nero " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il gatto nero " di Edgar Allan Poe
" Per il racconto più straordinario, e al medesimo tempo più comune, che sto per narrare, non aspetto né pretendo di essere creduto. Sarei davvero pazzo a pretendere che si presti fede a un fatto a cui persino i miei sensi respingono la loro stessa testimonianza. Eppure pazzo non sono, e certamente non vaneggio. Ma domani morirò, e oggi voglio scaricare la mia anima. "
Edgar Allan Poe ci propone questo sensazionale racconto con un esordio sorprendente retrospettivo.

La storia è scandita in due segmenti ben differenziali, il racconto sembra ripetere due itinerari simili: dalla felice o quantomeno appagante presenza del gatto alla caduta morale.  Due atti delittuosi segnano la fine dei due segmenti e aprono rispettivamente alla perdita economica conseguente all'incendio dell'abitazione del protagonista e alla sua condanna a morte.
Una serie di doppi affiorano nel racconto e contribuiscono in modo fond…