Passa ai contenuti principali

10 consigli per creare la copertina di un libro

10 consigli per creare la copertina di un libro


Quanti di voi si sono trovati a dover pensare alla copertina del proprio libro, e non avere idea da che parte cominciare? 

Tranquilli, credo sia un passaggio normale, che ogni scrittore deve affrontare, e proprio per questo motivo vorrei darvi dei consigli che possiate mettere in pratica.

Credo sia ovvio che questo articolo non rientra nella categoria di scrittori con una casa editrice alle spalle, ma per chi si auto pubblica, oppure usa Wattpad.  

1 - Nel momento in cui ti rendi conto di dover scegliere la copertina del tuo libro, fermati e ragiona. L'immagine deve rispecchiare il fulcro della storia, e per quanto non sia semplice trovarla, non è impossibile. 
So che la tua mente lavora frenetica senza concentrarsi sull'obiettivo, vero?

2 - Una volta trovata l'immagine, non dare per scontato che sia quella giusta, magari continua a cercare, per sicurezza, finché non ne vedi una che ti faccia esclamare: 
-È questa!-
Non credevi di dover perdere tanto tempo a cercare una foto?

3 - Una volta sicuro della scelta fatta, decidi se affidarti a un grafico, o se provare a utilizzare qualche programma per fare da solo. 
Chiediti: sono davvero in grado di fingermi un grafico, oppure no?

4 - Se dedici di affidarti a un grafico, il tuo compito è finito. 
Ricordati che non potrai pentirti dopo!

6 - Se invece decidi di fare da solo, ti consiglio di prenderti del tempo, di non fare le cose con la fretta, e di ragionare su ogni aspetto. 
Piuttosto fai una lista: che cosa devo fare?

7 - L'immagine è posizionata, ma non dimenticarti di tutti gli altri particolari: luminosità, pixel, proporzioni, sfumature e scritte.
Tu dirai: ma che sono sti pixel?  

8 - Tutti questi elementi vanno cordinati affinché l'immagine possa risaltare insieme alla scritta, ma anche in questo caso dovete ragione se preferite che salti all'occhio una o l'altra cosa. 
Immagine o scritta? La mia storia di cosa parla?

9 -  Se preferite una copertina con un titolo estroso e d'impatto, potete inserire l'immagine in modo che faccia da sfondo, magari con qualche sfuocatura. 
Sicuro che in questo modo si capisca il fulcro della storia?

10 - Se invece l'immagine deve attirare l'attenzione, allora la scritta si può posizionare in alto, o in basso, e lavorare sull'impatto grafico. 
Il risultato mi soddissfa?

Quest consigli sono basati sulla mia esperienza in merito a questo arduo compito. 
La prima, e unica volta, che ho pubblicato mi sono trovata costretta a crearmi la copertina, nonostante avessi una casa editrice alle spalle e non vi dico le crisi isteriche che ho dovuto affrontare. 

La seconda la sto sperimentando sulla piattaforma di Wattpad e devo dire che una volta capito il meccanismo, non è poi tanto male. 

Vi consiglio di usare il programma GIMP, che è il gemello di Photoshop, ma gratuito! 
Mentre PicMonkey serve per creare gli aesthetic! 


Per qualsiasi altro chiarimento sono sempre a disposizione. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico?

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico? Il titolo di per sé dovrebbe darvi un'idea dall'argomento che tratterò in questo articolo, ma perché la paura di parlare in pubblico da parte di uno scrittore? 
Come molti di voi sapranno non è proprio una cosa naturale per uno scrittore parlare in pubblico, perché tutto ciò che si ha da dire lo si comunica attraverso le parole scritte, ma allo stesso modo è inevitabile dover raccontare a volte ciò che si crea.

Quindi come si fa a superare questa paura? 

Non esistono formule magiche, e neppure esercizi di preparazione, ma penso di potervi rincuorare raccontandovi la mia recente esperienza.

Può essere semplice?  

Diciamo per così dire!

In questi giorni mi è capitato di parlare in pubblico, per un attimo ho temuto il peggio per la mia stessa sanità mentale e capisco che possa sembrare facile a parole, ma con i fatti è tutt'altra storia.

Parlo quindi a discapito di ciò che credevo e pensavo, finché non ho provato l'es…