Passa ai contenuti principali

10 motivi per non aprire un blog

10 motivi per non aprire un blog 

Vi siete mai chiesti quale utilità possa avere un blog? 
Ebbene, ho intenzione di elencarvi dieci motivi per cui non serve a niente agli autori! 

1 - Se sei un autore, e credi che aprendo il tuo blog personale, tu possa avere maggiore visibilità, oppure la sicurezza di vendere il tuo libro, allora hai proprio sbagliato! 
Ti assicuro che a nessuno frega niente se scrivi, cosa racconti, o se hai pubblicato! 

2 - Non credere che gestire un blog sia una passeggiata, al contrario, dovrai creare un calendario da seguire passo per passo e sbatterti per trovare idee sempre nuove! 

3 - Se non hai la costanza di prenderti un simile impegno, prova a fare qualcosa di meno impegnativo e lascia spazio a chi davvero ci mette l'anima! 

4 - Fare le recensioni per dare visibilità ai colleghi è una vera fregatura, prima di tutto perché non perderanno nemmeno un secondo del loro tempo per inserire un commento con un semplice grazie! 

5 - Le segnalazioni sono una rottura di scatole, sopratutto perché gli autori in questione non si preoccuperanno di inviarti il materiale, e dovrai inseguirli come un segugio! 

6 - Nessuno ha voglia di leggere articoli lunghi, quindi dovrai scrivere in modo giornalistico, stringato e filtrare le emozioni, sei sicuro di saperlo fare? 

7 - Gli articoli letterari, magari con il fine di condividere la propria esperienza, verranno recepiti solo negativamente, ma scherzi? Vuoi porti al di sopra degli altri? 

8 - All'inizio vivrai guardando tutti i giorni quante visualizzazioni riceverai con i singoli articoli, per capire quelli che possano interessare, e potrebbe anche venirti un esaurimento nervoso!

9 - Non credere che sia tutto rose e fiori, anzi, fare pubblicità nei vari social diventerà un lavoro vero e proprio, che ti porterà via più tempo di quanto ammetterai mai! 

10 - Lascia perdere l'originalità, basta essere commerciali! 


Suvvia, fattele due risate, che la vita è bella! 


La frase migliore di Roberto Benigni!  ^_^


Commenti

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico?

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico? Il titolo di per sé dovrebbe darvi un'idea dall'argomento che tratterò in questo articolo, ma perché la paura di parlare in pubblico da parte di uno scrittore? 
Come molti di voi sapranno non è proprio una cosa naturale per uno scrittore parlare in pubblico, perché tutto ciò che si ha da dire lo si comunica attraverso le parole scritte, ma allo stesso modo è inevitabile dover raccontare a volte ciò che si crea.

Quindi come si fa a superare questa paura? 

Non esistono formule magiche, e neppure esercizi di preparazione, ma penso di potervi rincuorare raccontandovi la mia recente esperienza.

Può essere semplice?  

Diciamo per così dire!

In questi giorni mi è capitato di parlare in pubblico, per un attimo ho temuto il peggio per la mia stessa sanità mentale e capisco che possa sembrare facile a parole, ma con i fatti è tutt'altra storia.

Parlo quindi a discapito di ciò che credevo e pensavo, finché non ho provato l'es…