Passa ai contenuti principali

Recensione - Un lupo nel cuore - di Catia P. Bright


Recensione - Un lupo nel cuore - di Catia P. Bright 




Titolo: UN LUPO NEL CUORE

Autore: Catia P. Bright

Casa editrice: auto-pubblicato

Genere: Romance, Regency romance, Fantasy romance

Formato: ebook e cartaceo 

Lunghezza stampa: 364

Prezzo: formato ebook € 2,99 - formato cartaceo € 13,90

Data di uscita: Dicembre 2017


Trama - Un lupo nel cuore - 


Gloucestershire, campagna inglese – 1824. 

Sposarsi non è tutto nella vita. 

Se poi una brutta nomea ti perseguita da quando eri una ragazzina, meglio mettersi subito il cuore in pace e vivere libera di dire e fare quello che vuoi, senza sperare nei confetti. 

Così Annabelle Bright è arrivata all'età di ventuno anni, crescendo spensierata, impulsiva, fin troppo schietta e in apparenza priva di futili sogni romantici. 

Solo un’ombra è capace di offuscare il suo temperamento solare e positivo: il ricordo di un episodio che l’ha “marchiata” e che si riaffaccia, prepotente e rancoroso, col ritorno nella contea di una certa persona.

Lord Daniel Carlington non è più il ragazzo di una volta e sa nascondere bene le tragedie che hanno popolato la sua vita, come pure la pesante eredità che grava sulla sua antica e nobile casata. 

Con un sorriso mozzafiato e il fascino del giramondo, sembra il ritratto della migliore e più squisita aristocrazia britannica. 

Eppure… Inconfessabili segreti si celano dietro a quegli occhi di smeraldo, mentre il suo incontro con Annabelle sarà l’inizio di una serie di complicazioni che lo porteranno a scontrarsi col misterioso, perfido e pericoloso Lord Salinger, mettendo a rischio le loro stesse vite. 

E dunque, potranno dei cuori innamorati trionfare su tutto, persino su un destino che appare segnato e ineluttabile?

Biografia autrice 

- Catia P. Bright - 


Il lato nascosto di Catia P. è finalmente venuto allo scoperto.

Dopo molti anni di gavetta su racconti di diverso genere, ma tutti popolati di fatti inquietanti, presenze sovrannaturali e morti ammazzati, era davvero giunto il momento di scrivere altro. 

Qualcosa di divertente, dolce, profondamente romantico. 

Nonostante alcuni suoi racconti siano stati vincitori di premi nazionali e una quindicina pubblicati da varie case editrici (tra cui uno ne Il Giallo Mondadori), con lo pseudonimo Bright Catia P. ha voluto gettarsi a capofitto nell'avventurosa e palpitante ricerca di un vero e proprio happy ending, tentando la tortuosa via del self publishing con il romanzo d'esordio “Un lupo nel cuore”.

Mia recensione 


Un romanzo di genere Fantasy, di cui il titolo ci indirizza verso la componente soprannaturale presente in esso.

La componente Romance traspare da ogni singola parola inserita nel discorso diretto, ma anche nel monologo interiore non ci si può sbagliare.

L'incipit, a mio avviso, non viene ripreso in maniera esaurente all'interno della storia e quindi sembra non essere collegato ad una precisa scena o dinamica.

C'è un piccolo accenno, che chiarisce una parte del testo, ma, ripeto, non in modo dettagliato.

Serve ad incuriosire il lettore, che però non troverà una vera risposta alle sue domande.

La trama risulta costruita bene e la scrittura è scorrevole e chiara.

La fabula e l'intreccio seguono una loro logica precisa, anche se i colpi di scena non sono così marcati come si potrebbe pensare.

I personaggi sono caratterizzati in modo da rispecchiare l'ambientazione che li circonda, proprio quest'ultima ha un suo particolare fascino.

Un'atmosfera che rende i personaggi idilliaci nello spazio in cui si muovo, sempre con logica e parsimonia, incentrano l'attenzione del lettore.

I due punti di vista, alternati all'interno della narrazione, permettono di entrare nei pensieri dei protagonisti, anche se l'uso del presente, a mio modesto parere, frena la narrazione.

Forse, considerato il tema e l'ambientazione, sarebbe stato appropriato l'uso del tempo passato, ma forse è solo un mio gusto personale.

Un susseguirsi di eventi sembrano portare ad una conclusione affrettata, che quindi poteva essere costruita in maniera differente.

Una scena conclusiva, che rimanere vaga e a fantasia del lettore.

L'eroe e l'antagonista hanno delle particolarità che li contraddistinguono all'interno della storia, così come la caratterizzazione della protagonista, che sicuramente non passa inosservata.

Un personaggio profondo che arricchisce la trama stessa.

I personaggi secondari non influiscono nelle decisioni principali della fabula, anche se considerata l'ambientazione mi sarei quindi aspettata tutto il contrario.

Il messaggio che si cela tra le pagine di questo romanzo risulta avere coerenza e vuole trasmettere, oltre alla potenza dell'amore, che non tutto ciò che è diverso, significa pericolo o inadeguatezza verso il mondo.

Sicuramente un bel messaggio da comunicare.





- Voi cosa ne pensate? - 

- Questa storia sollecita la vostra fantasia? Vi incuriosisce? - 

Calendario recensioni 




Commenti

  1. Buongiorno Sharon e buongiorno Catia. Arrivo subito con una domanda per la scrittrice. Personalmente mi hai comprata alla scelta dell'ambientazione, che mi ha anche riportata alla mente grandi classici come quelli Jane Austin.
    É quel genere di letteratura tra ciò che ti ha influenzata nella stesura di questo romanzo, oppure la scelta dell'ambientazione deriva da altro?

    -Vera -

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Ciao Vera, sono Catia.
      Grazi per la domanda! Jane Austen è la mia scrittrice preferita e sicuramente mi ha influenzata nella scelta dell'ambientazione, come pure altre letture di classici dell'epoca e svariati film e serie televisive. Inoltre l'Ottocento inglese è per me sinonimo di 'romanticismo' e non potevo non usarlo per la mia prima storia a lieto fine. ^^

      Elimina
  2. Ciao,
    Devo dire che mi incuriosice e a tratti dalla tua recensione evoca "Cappuccetto Rosso Sangue" o almeno lo ha ricordato a me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Samantha, sono Catia.
      Grazie per il commento alla recensione di Sharon. I momenti gotici del romanzo sono pochi perché puntavo maggiormente all'aspetto romantico. Nonostante ciò ci sono un paio di scene leggermente più dark. Spero nel complesso che la storia possa incuriosirti!

      Elimina
  3. Ho un'altra domanda per Catia. Sharon menziona una protagonista che resta sicuramente impressa nella mente del lettore. Puoi raccontarci qualcosa di lei?

    -Vera-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vera, scusa il ritardo nella risposta.
      Annabelle è una ragazza vivace, positiva e generosa, ma anche molto impulsiva, difficile da tenere a freno e con la lingua affilata. Ama la sua famiglia, ama la vita semplice della sua contea, ama vivere senza preoccuparsi troppo dell'etichetta imposta all'epoca e, soprattutto, è fatalmente destinata a innamorarsi anche di un marchese mooolto speciale...

      Elimina
  4. Stavolta sono la ritardataria del gruppo 😂 anche a me piacciono le ambientazioni nel passato, quindi la mia domanda è: Come ricostruirle in modo convincente e coinvolgente? 😃

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sophia, sono Catia.
      Naturalmente occorre fare delle ricerche sull'ambientazione e poi la cura di dettagli, anche piccoli, è fondamentale. Se usi un linguaggio coerente e adatto all'epoca già introduci il lettore nell'atmosfera (nel mio caso i personaggi usano quasi sempre il 'voi'). Se si muovono a cavallo e in carrozza, se è presente la servitù, se ci sono candele, ecc... ogni dettaglio non trascurato coinvolge e convince il lettore che siamo proprio in quell'epoca. Inoltre, va sempre controllata la veridicità storica (es. nel 1824 non avremmo potuto dire 'Ci rivolgeremo a Scotland Yard!' perché è stata fondata nel 1829).

      Elimina

Posta un commento

Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi rimanere aggiornato sulla conversazione via e-mail ti consiglio di mettere la spunta su "inviami notifiche".
Il tuo parere conta, ma non dimenticarti di esprimerlo!

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico?

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico? Il titolo di per sé dovrebbe darvi un'idea dall'argomento che tratterò in questo articolo, ma perché la paura di parlare in pubblico da parte di uno scrittore? 
Come molti di voi sapranno non è proprio una cosa naturale per uno scrittore parlare in pubblico, perché tutto ciò che si ha da dire lo si comunica attraverso le parole scritte, ma allo stesso modo è inevitabile dover raccontare a volte ciò che si crea.

Quindi come si fa a superare questa paura? 

Non esistono formule magiche, e neppure esercizi di preparazione, ma penso di potervi rincuorare raccontandovi la mia recente esperienza.

Può essere semplice?  

Diciamo per così dire!

In questi giorni mi è capitato di parlare in pubblico, per un attimo ho temuto il peggio per la mia stessa sanità mentale e capisco che possa sembrare facile a parole, ma con i fatti è tutt'altra storia.

Parlo quindi a discapito di ciò che credevo e pensavo, finché non ho provato l'es…