Passa ai contenuti principali

Recensione - Il coraggio di perdonare - di Asia Da Costa


Recensione - Il coraggio di perdonare - di Asia Da Costa 


Titolo: Il coraggio di perdonare.
Autore: Asia Da Costa.
Genere: Contemporary Romance.
Editore: Self-publishing.
Pagine: 322.
Prezzo ebook: € 0,99.


Trama - Il coraggio di perdonare 


Ogni scelta detta una conseguenza. 

A volte, siamo costretti ad assecondare una sorte ingiusta che tira le redini di un amore sofferto e dimenticato.

 Grace Davis nasconde nei meandri dei suoi ricordi, l’immagine dell’uomo che l’ha abbandonata dieci anni prima. 

Oggi è una donna che ha costruito intorno al suo dolore, il giusto equilibrio per portare avanti un’esistenza caratterizzata da delusioni e perdite.

 Oggi è Megan, madre single e all'apparenza forte e determinata. 

Una roccia che non permette al passato di intralciare la tranquillità emotiva che ha faticosamente raggiunto. Che cosa succederebbe, però, se quell'abisso di ricordi risalisse a galla? 

E tutto ciò da cui è fuggita, si ripresentasse prepotentemente nella sua vita per sconvolgere tutti i suoi schemi? Ritornare indietro comporta una salita ripida e tortuosa, la meta è lontana e inarrivabile. 

Quanto alto può essere il prezzo da pagare, per proteggere sé stessi dalla devastazione? 

Owen Riley, ex Marines, porta il peso di un grosso rimpianto. 

Si è arreso al dolore che lo ha colpito quando ancora ogni parte di sé, mostrava i segni di un amore sopravvissuto ad un’atroce verità. 

E se tu tutto quello che si conosce è solo la superficie di un momento significativo della tua vita, mentre nelle profondità vive un dolore mai assopito? 

Saremo abbastanza coraggiosi da rischiare di intagliare un cuore ferito?

Biografia autrice 

- Asia Da Costa - 


Asia Da Costa è uno pseudonimo nato dalla necessità di dover proteggere chi sono.

 Tuttavia, la vera me è proprio Asia.

Una donna, una madre, una moglie. 

Un giorno, in un semplice pomeriggio, le dita decisero di contrastare il terrore di ritornare indietro. 

Ma, dopo un anno, posso affermare che sia stata la scelta giusta, Grace meritava di essere raccontata, Owen meritava il mio Grazie.

Loro sono stati la mia guarigione. 

Scrivere sconfigge i demoni, ho cercato con la mia storia di aiutare un particolare cerchio di donne, e raffigurare quel bambino, quel mio agrodolce ricordo come un disegno della realtà. 

Io per anni sogno immergendomi nei romanzi, lo faccio ancora, e la mia gioia più grande è che un giorno i lettori sognassero con la mia. 

Arrivare al cuore di chi cerca libertà in un romanzo è difficile, ma credo che se l’autore sogni, allora il lettore vivrà il suo sogno. Questa sono io.

Una sognatrice intrappolata in un’amara realtà. 

Asia Da Costa è solo una lettrice che ha sognato attraverso il ricordo di un passato mai… passato. 

Quindi… sognate e vivete.

Mia recensione


Questo è il secondo romanzo romance che leggo in tutta la mia vita.

Durante l'adolescenza ero fissata con il Fantasy, crescendo mi sono approcciata ad altri generi, che poi sono diventati anche il mio stile di scrittura, ma non avrei mai pensato di leggere una storia basata sull'amore.

Non ne comprendo appieno il motivo, ma l'amore descritto nei libri mi è sempre parso fasullo, inesistente, come se in qualche modo quelle pagine fossero una totale bugia.

Lo so, è strano, considerato che leggo storie basate sulla fantasia dell'essere umano, eppure, a distanza di anni mi sono dovuta ricredere.

Questo romanzo ha una trama che è un pilastro portante, la fabula e l'intreccio sono creati di conseguenza, per armonizzarsi con il resto della storia.

I personaggi sono descritti bene e caratterizzati in modo particolare.

I protagonisti principali vivono la loro storia d'amore in maniera non scontata.

Un susseguirsi di eventi che scatenano decisioni e scelte, le quali alla fine, portano ad una conclusione inerente con la fabula.

Scritto in prima persona cambia punto di vista a intervalli, sostando l'attenzione sui due protagonisti e così facendo risulta più facile comprendere il loro carattere.

Il discorso diretto a volte rallenta la narrazione, ma non in maniera esagerata e la giusta dose crea una lettura scorrevole e piacevole.

Uno stile di scrittura fresco che semplifica l'approccio con la storia.

Infine, la cosa più importante, è il messaggio che si cela tra le righe di questo romanzo.

Impossibile non percepirlo, arriva dritto e chiaro e i temi affrontati dell'autrice sono molto toccanti e profondi.

Un argomento in particolare ha attirato la mia attenzione e a fine lettura, posso anche dire, che è stato proprio esso a rendere la storia meno mielosa.

Un dettaglio che sicuramente mi ha invogliata ad arrivare fino alla fine.

- Cosa ne pensate? - 

- Vi incuriosisce scoprire quale sia l'argomento che comunica il messaggio più importante? - 

Calendario recensioni


Commenti

  1. Premettendo che vivo in un romance perennemente non so che pensare di questo. Asia convincimi con parole tue a leggerlo. Niente sinossi. Niente clichè.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il passato può essere dimenticato oppure vivere ancora nel presente. La mia storia è un romanzo che vive in bilico tra ricordi agrodolci passati e il coraggio di rivivere tutto in un presente apparentemente felice. Tutto ritorna, anche l'amore.��

      Elimina
    2. Certo. Mi sono documentata. Tutto si risolve secondo fatti reali.

      Elimina
  2. Come sempre la recensione di Sharon è riuscita ad incuriosirmi, anche se questo non è tra il mio genere prediletto di romanzi. Mi piace però che il protagonista sia un ex marine. Mi chiedevo, visto che questa non è una nostra realtà, hai fatto delle ricerche Asia in proposito? Su come funziona il corpo dei marines, su come funziona il loro congedo dopo il servizio e su come anche possono reagire psicologicamente alle situazioni cui sono sottoposti prima e dopo il servizio?

    RispondiElimina
  3. Il titolo del romanzo è molto bello. Cosa c'è secondo te di più difficile nell' atto del perdono?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vera, perdonare vuol dire accettare l'accaduto, metabolizzare il dolore causato da esso e rassegnarsi al fatto che sia successo. Per arrivare al perdono bisogna bypassare tutte queste fasi, riuscire a guardare negli occhi chi ci ha ferito e capire perchè l ha fatto. Se si arriva a questo allora sentirai in te il senso di libertà, come se qualcosa di soffocante lasciasse il tuo corpo. Il perdono è benefico, ma ahimè difficile. Tu mi hai chiesto qual è la parte più difficile, io ti rispondo accettare che di chi ti fidavi ti ha tradito, poiché le ferite più profonde le intaglia chi ha il potere di farlo. Chi ami o vuoi bene.

      Elimina

Posta un commento

Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi rimanere aggiornato sulla conversazione via e-mail ti consiglio di mettere la spunta su "inviami notifiche".
Il tuo parere conta, ma non dimenticarti di esprimerlo!

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico?

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico? Il titolo di per sé dovrebbe darvi un'idea dall'argomento che tratterò in questo articolo, ma perché la paura di parlare in pubblico da parte di uno scrittore? 
Come molti di voi sapranno non è proprio una cosa naturale per uno scrittore parlare in pubblico, perché tutto ciò che si ha da dire lo si comunica attraverso le parole scritte, ma allo stesso modo è inevitabile dover raccontare a volte ciò che si crea.

Quindi come si fa a superare questa paura? 

Non esistono formule magiche, e neppure esercizi di preparazione, ma penso di potervi rincuorare raccontandovi la mia recente esperienza.

Può essere semplice?  

Diciamo per così dire!

In questi giorni mi è capitato di parlare in pubblico, per un attimo ho temuto il peggio per la mia stessa sanità mentale e capisco che possa sembrare facile a parole, ma con i fatti è tutt'altra storia.

Parlo quindi a discapito di ciò che credevo e pensavo, finché non ho provato l'es…