Passa ai contenuti principali

Dieci motivi sul perché non pubblicare un romanzo

Dieci motivi sul perché non pubblicare un romanzo 



Siete scrittori, volete pubblicare e siete alla ricerca di informazioni per capire come fare, ma vi siete mai chiesti cosa si celi davvero dietro a quest'impresa?

In questo articolo vi elencherò dieci motivi per non pubblicare e ve ne spiegherò anche il motivo.

1 - Il lavoro di editing e impaginazione potrebbe farvi impazzire. 

Si avete capito bene, anche se trovate una casa editrice il libro andrà preparato a essere stampato e sarò un lungo periodo di correzioni e dubbi. 
Insomma, un lavoro che potrebbe assomigliare alla stesura del romanzo, solo con più attenzione e con meno divertimento. 

2 - Scegliere la copertina.

Ma ci pensate? Trovare un'immagine che rappresenti ciò che avete scritto?
Non vi piaceranno la maggior parte delle idee che vi proporranno e non è detto che sarete soddisfatti della scelta finale, ma sarete talmente stanchi da accettarla lo stesso.

3 - Tipo di carta e tipo di copertina.

Al 99% dei casi è la casa editrice che sceglie il tipo di carta e il tipo di copertina.
Quindi lo saprete a stampa avvenuta, e se la copertina non sarà rigida come piace a voi, non gliene fregherà niente a nessuno. 

4 - Errori presenti nel testo.

Sì, può capitare anche se siete stati seguiti da un buon editor e quindi dovrete prepararvi alla critiche. Siete scrittori, e non vi è permesso nemmeno un refuso. 

5 - Il libro va sponsorizzato online.

Una volta pubblicato il libro dovrete trovare i blog disposti a fare una segnalazione, una recensione e magari a intervistarvi. 
Quindi dovrete prepararvi un'agenda per ricordarvi tutti gli impegni.

6 - Il libro va sponsorizzato dal vivo.

Dopoché dovrete contattare tutti gli enti disposti a farvi fare una presentazione dal vivo del vostro libro. Preparatevi a dover creare un evento su Facebook per invitare le persone a partecipare e a rendervi conto che non gliene frega niente a nessuno. 

7 - Librerie. 

Se avete pubblicato con un buon editore dovreste avere la possibilità di distribuire il libro nella varie librerie, ma per quanto riguarda quelle della vostra città, dovrete fare da soli. 
Quindi preparatevi una lista di nomi e andate porta a porta a proporre il libro, magari presentando una copia cartacea, per far vedere al libraio cosa dovrebbe comprare.

8 - Condividere post sui social.

Ogni volta che ci sarà una segnalazione, una recensione, un'intervista o un evento, dovrete promuovere il tutto sui vari social.
Quindi preparatevi a dover passare molto tempo attaccati al computer e a inventarvi dei testi che attirino l'attenzione. 

9 - Critiche.

Non tutte saranno costruttive, al fine di aiutarvi a migliorare, anzi, la maggior parte saranno solo delle critiche maligne. 
Preparatevi a dover subire ingiustizie e commenti cattivi. 

10 - Contatti.

La gente inizierà a contattarvi per avere una pedata all'interno della vostra casa editrice.
Preparatevi a dover spiegare che magari il libro proposto non rientra nella linea editoriale, o che magari non avete intenzione di farlo perché il posto ve lo siete guadagnato col sudore e non con aiuto. 

A conti fatti pubblicare un libro non è una passeggiata come potrebbe sembrare e consiglio questo percorso solo a chi davvero ama questa professione, altrimenti, cambiate lavoro che è meglio. 

Detto questo, anche voi avete dovuto seguire questi dieci punti per pubblicare?

Come vi siete trovati?

Avete avuto problemi? Magari con l'editing del libro, o con la copertina?

Come vi trovate a dover " vendere " il vostro libro?

Commenti

  1. Ho provato a pubblicare il mio libro con una casa editrice online, ancora non ho ricevuto critiche ma so che arriveranno e saranno pesanti, non sono abile nel "vendere " quindi mi limito a fate presente che ho pubblicato un libro e cerco di incuriosire le persone che mi chiedono di cosa parla. La copertina è stato un parto gemellare non c'è ne era una che mi piacesse ^^" alla fine posso dire che quella che è stata scelta rispecchia più o meno quello che ho scritto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia!
      Quindi la casa editrice con cui hai pubblicato è quella di cui parlavi sotto all'articolo in Facebook?
      Ti aiutano a promuovere il libro?
      Se hai bisogno di consigli o aiuto scrivimi pure in privato, sarò felice di aiutarti!
      Per ora ti auguro tanta fortuna. ^_^

      Elimina
    2. Grazie mille :) diciamo che sì mi aiutano parecchio con la pubblicità, visto che in materia sono negata^^" purtroppo la mia mente contorta mi dice sempre di non parlare/scrivere troppo del mio libro poiché ho sempre paura di sembrare fuori luogo o una che si vanta di un traguardo raggiunto, comunque sia se dovessi avere bisogno di una mano sarai la prima a cui mi rivolgerò grazie ancora :)

      Elimina
  2. Io ho pubblicato, adesso ritirato perchè non soddisfatta, con una casa editrice che sarebbe stata a pagamento ma mi ha pubblicato 25 copie a titolo gratuito. Lavoro di editing pari a 0 (non ho pagato quindi copia incolla su word per impaginare, ed impaginare pure male), copertina realizzata dal mio fidanzato (e loro hanno pure sbagliato tre volte il nome e la quarta di copertina e il titolo), promozione zero. Sono andata nelle librerie nella mia città e ne trovai una disposta a farmi fare la presentazione, prese il numero e la mia unica copia gratuita e nemmeno sono stata mai contattata per fare la presentazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Samantha ti capisco bene!
      Mi dispiace, ma per capire bisogna sbagliare e sbatterci la testa, adesso che sai come funziona la prossima volta starai più attenta.
      Non è facile comunque e lo sai bene.

      Elimina
  3. In effetti pubblicare non è una passeggiata, sia se lo fai con un editore, sia per conto tuo. I tuoi punti lasciano intendere che non sei contentissima della tua esperienza... Purtroppo il lavoro da fare è tanto prima della pubblicazione ma anche e soprattutto dopo, Si spera che almeno venga accompagnato da delle soddisfazioni. Insomma, ti auguro che il bilancio alla fine sia positivo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria Teresa.
      Sai che non lo so?
      Ancora non l'ho capito, sono sincera.
      Ci sono stati dei problemi e le cose non sono state fatte come avrei voluto, quindi sto cercando di capire se ne sia valsa la pena.
      Un abbraccio.
      Sharon.

      Elimina
  4. Io ho inviato più di due manoscritti ma non ho ricevuto risposta nemmeno la ricevuta di ritorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Brigida!
      Di solito le case editrice in caso di esito negativo non rispondono mai e quindi se dopo sei mesi non senti nessuno allora mettiti l'anima in pace.
      Invece per la questione della ricevuta di ritorno è strano, con la posta è difficile che ci siano questi problemi!
      Sei andata a chiedere?
      In posta possono tracciare il pacco e dirti dov'è! ^_^

      Elimina
  5. Ciao Sharon 😊 è sempre interessante ed istruttivo leggere i tuoi articoli. Sei una fonte preziosa di informazioni e di consigli 😃 per quanto mi riguarda, so che ci metterò ancora molto tempo prima di raggiungere un risultato concreto e soddisfacente, e poi per la pubblicazione... Tutto da valutare. Che poi io con email e telefono non ho un buon rapporto, credo che mi sarà ancora più difficile 😂 forse cercherò un aiuto, chissà 😉
    Hai ragione al 200%, è un percorso che può iniziare solo chi vuole davvero riuscire, non è adatto per tutti 🙏🏼
    Sei una forza, continua così 💜

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sophia!
      Grazie, fa sempre piacere ricevere qualche complimento.
      Ci metto tutto l'impegno e la passione che riesco ad accumulare e così ne traggo ispirazione per scrivere gli articoli.
      Ci vorrà il tempo di cui avrai bisogno e quando succederà saprai come fare, ma in ogni caso per qualsiasi cosa sai dove trovarmi! ^_^
      Scrivere ormai pensano di saperlo fare tutti, ma arrivare a pubblicare un libro richiede una grande riflessione, almeno secondo il mio parere. ^_^
      Un abbraccio.

      Elimina

Posta un commento

Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi rimanere aggiornato sulla conversazione via e-mail ti consiglio di mettere la spunta su "inviami notifiche".
Il tuo parere conta, ma non dimenticarti di esprimerlo!

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…