Passa ai contenuti principali

35 guida: Scrivere la sinossi del romanzo



Come scrivere un romanzo e comunicare un messaggio:
Trentacinquesimo capitolo
- Come scrivere la sinossi del romanzo -


Ciao a tutti, mi dispiace dirvi che il lavoro non è veramente concluso, che la volta precedente ho detto una piccola bugia per non spaventarvi ulteriormente con tutto questo carico di informazioni, ma stavolta non scherzo, l'argomento che tratteremo oggi sarà davvero l'ultimo e conclusivo passo che riguarda la scrittura di un romanzo.

La sinossi è forse il compito più arduo dopo la stesura principale e la correzione della bozza.

Sicuramente scrivere una pagina in cui sintetizzare un romanzo di centocinquanta non è una passeggiata, parlo per me, è assurdo come arrivata a questo punto riesca a bloccarmi come un cervo davanti ai fari di una macchina.

Questa è una delle domande più note che si pone uno scrittore dopo aver finito di scrivere il suo romanzo e un quesito a cui sembra non esserci mai una vera risposta, per ognuno funziona in maniera differente, in base allo stile creativo, in base al metodo di scrittura, in base al genere e a molti atri fattori, ma vorrei comunque mettere a disposizione la mia personale esperienza.

Comunque torniamo in tema, vi vorrei dare dei consigli che ho usato personalmente per togliermi da questo intoppo che mi ha fatto perdere più tempo di quanto mi piaccia ammettere.

Prendete foglio e penna, oppure aprite una pagina word, come volete e scrivete un riassunto dall'inizio alla fine del romanzo, non fate l'errore di omettere la parte finale con la speranza di suscitare interessa da un editore, probabilmente così facendo butterebbe nel cestino tutto il manoscritto, non dovete impressionare nessuno a parte voi stessi.

Non dimenticate mai che siete voi a dover essere soddisfatti del vostro lavoro, gli altri, se voi ci credete, si adegueranno, pertanto dovreste anche seguire in linea di massima le direttive della casa editrice a cui volete inviare il manoscritto, di solito tutte richiedono il romanzo e una breve sinossi di almeno una pagina e non più lunga.

Fate il miglior riassunto che riuscite a scrivere e posso assicurarvi che usciranno almeno due pagine, quindi dovreste prendere quel riassunto e sintetizzarlo ancora, ma per fare in modo di essere sicuri di centrare i punti più importanti del romanzo, vi consiglio di consultare le sequenze che avevate già scritto e prendetele come spunto per inserire solo i dettagli più significativi, quelli che alla fine della fiera contengano il messaggio che volete comunicare.

Il messaggio che all'inizio avete pensato, strutturato e inserito nel romanzo, non può essere lasciato in disparte proprio adesso e dovrete giocare d'astuzia per inserirlo insieme al resto del testo che deve racchiudere tutto il vostro libro.

In questa guida vi avevo spiegato di come usare le sequenze per la struttura di un romanzo, ebbene, servono anche per scrivere la fantomatica sinossi. 

Questo lavoro consiste principalmente nel dover fare un riassunto del riassunto, il più delle volte viene richiesto esplicitamente di non superare la lunghezza di una pagina e sembra un'assurdità dover sintetizzare una quantità enorme di informazione in una sola, ma funziona in questo modo e vi spiego anche il perché, ovviamente c'è una spiegazione per cui un editore pone questo limite.

Nel momento in cui uno scrittore riesce a centrare i dettagli più importanti del suo romanzo e ne capisce l'utilità nel comunicare il suo messaggio, vuol dire che il suo lavoro è stato meticoloso e che il retroscena ha svolto un ruolo importante nella riuscita dell'impresa.

Per un editore è un modo semplice per adocchiare gli scrittori che valgano il nome stesso, che lo facciano con attenzione al mestiere e che abbiano davvero una marcia in più rispetto a molti altri.

In sintesi dobbiamo dimostrare di essere all'altezza di questa prova e per farlo avrete bisogno delle sequenze che avevate creato passo dopo passo nella stesura del romanzo.

Riprendete in mano quei fogli e leggete attentamente quello che avete scritto, cercate l'inizio, l'evolversi e la fine del romanzo, i dettagli più importanti insomma e fatene un riassunto conciso, ma chiaro e limpido, che non lasci spazio a fraintendimenti.

Di conseguenza dovete leggere un'altra volta il riassunto e analizzarne il testo con occhi critici, fatelo come se foste degli estranei nella vostra stessa opera e poi scrivete la sinossi finale. 

Usate uno schema e le sequenze per non sbagliare in questa impresa e sono sicura che una volta capito come fare, non vi sembrerà più tanto complicato.

Ci siete? Avete capito come affrontare questa ardua impresa?

Non pensate di poter scappare dall'ultimo ruolo, perché tutte le case editrici ormai lo richiedono e visto che siamo alla fine, direi di condividere le vostre idee al riguardo: la tecnica di come svolgete la sinossi e come la strutturate; se avete consigli, ben venga, c'è sempre da imparare e chissà magari potrei trovare anch'io un aiuto visto che a breve dovrò cimentarmi con questa "scocciatura". 

Esercizio:

Avete mai provato a scrivere una sinossi?

In quale modo l'avete fatto?

Ci siete riusciti?

A presto, come sempre la vostra Sharon.




Commenti

  1. La sinossi è davvero la parte più difficile, confermo. Io di solito faccio diversi tentativi prima di riuscire nell'impresa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuliana!
      Anch'io le prime volte credevo di impazzire!
      Sintetizzare un'intero romanzo in una sola pagina mi sembrava un'impresa impossibile, ma poi con la giusta calma e logica ci sono riuscita.
      Basta evidenziare gli aspetti più importanti della storia e trascriverli!
      A presto, un abbraccio.
      Sharon

      Elimina
  2. è il compito più arduo perché bisogna sintetizzare in poco spazio un romanzo magari molto lungo...e bisogna stare attenti a non spoilerare troppo...non sono molto brava in questo campo...per niente direi^^" e sì ci ho provato molte volte, posso dire che a volte ci sono riuscita e a volte no:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia;
      Posso consigliarti di utilizzare le macro sequenze e le micro sequenze per riordinare le idee.
      Utilizza degli schemi per incentrare le parti più importanti della tua storia, cioè inizio, svolgimento e fine.
      Una volta che hai capito qual è il messaggio che vuoi comunicare e quindi di conseguenza quali sono le parti che lo trasmettono, dovresti riuscire a scrivere la sinossi.
      Altrimenti credo che ci sia qualcosa che non va nell'intera trama.
      Magari prova anche a revisionare la fabula e l'intreccio per capire se scorrono con ordine e logica.
      Se hai bisogno di altro chiedi pure.
      A presto.
      Sharon

      Elimina
  3. Grazie Sharon, molto interessante �� gli altri tuoi articoli in proposito, me li segnali? ����

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nadia, grazie davvero per l'interessamento.
      Ti inserisco il link della pagina su cui troverai tutti gli articoli numerati!
      https://myblogscrittrice.blogspot.it/p/come-scrivere-un-romanzo-e-comunicare.html
      Aspetto i tuoi pensieri in merito, a presto.
      Sharon

      Elimina

Posta un commento

Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi rimanere aggiornato sulla conversazione via e-mail ti consiglio di mettere la spunta su "inviami notifiche".
Il tuo parere conta, ma non dimenticarti di esprimerlo!

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico?

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico? Il titolo di per sé dovrebbe darvi un'idea dall'argomento che tratterò in questo articolo, ma perché la paura di parlare in pubblico da parte di uno scrittore? 
Come molti di voi sapranno non è proprio una cosa naturale per uno scrittore parlare in pubblico, perché tutto ciò che si ha da dire lo si comunica attraverso le parole scritte, ma allo stesso modo è inevitabile dover raccontare a volte ciò che si crea.

Quindi come si fa a superare questa paura? 

Non esistono formule magiche, e neppure esercizi di preparazione, ma penso di potervi rincuorare raccontandovi la mia recente esperienza.

Può essere semplice?  

Diciamo per così dire!

In questi giorni mi è capitato di parlare in pubblico, per un attimo ho temuto il peggio per la mia stessa sanità mentale e capisco che possa sembrare facile a parole, ma con i fatti è tutt'altra storia.

Parlo quindi a discapito di ciò che credevo e pensavo, finché non ho provato l'es…