Passa ai contenuti principali

37 guida: Decidere di pubblicare il romanzo


Come scrivere un romanzo e comunicare un messaggio:
Trentasettesimo capitolo
- Pubblicare il romanzo -


Ben ritrovati con questo ultimo consiglio, mi piacerebbe affrontare l'argomento di come pubblicare il romanzo, che faticosamente abbiamo costruito insieme, sempre se è quello che desiderate davvero e per chi non ha idea di come si faccia, l'informazione sta alla base di qualsiasi tentativo possiate fare.

Non è poi così complicato, basta che cerchiate le case editrici che pubblicano il vostro genere di romanzo, se avete scritto un fantasy non inviatelo nemmeno a un editore che principalmente si occupa del genere horror, gli fareste solo perdere tempo e voi non avreste mai una risposta, nemmeno negativa, è difficile che si prendano il disturbo di dare una spiegazione ed è anche comprensibile, con tutto il lavoro che giorno dopo giorno gli arriva in redazione, quindi informatevi su quali case editrici fanno al caso vostro e poi consultate la pagina online oppure la pagina Facebook per capire cosa cercano e se il vostro romanzo possa interessargli.

Se guardate con attenzione il sito online, di solito si trova una sezione dedicata all'invio del manoscritto, leggete bene quello che richiedono, di solito, come vi avevo accennato la volta passata, una sinossi e un estratto del libro a vostra scelta, oppure vogliono l'opera per intera, dipende, quindi seguite alla lettera le indicazioni, ad esempio, alcune case editrici vogliono l'allegato tramite e-mail, altre hanno un'altra sezione in cui inserire e spedire, ma raramente richiedono il cartaceo.

Prima di spedire dovete essere assolutamente sicuri di quello che avete scritto, se non siete soddisfatti probabilmente non andrà bene nemmeno per una casa editrice, l'incentivo parte da voi e da quanto ci credete.

Spero, per chi ha affrontato questo viaggio con l'intenzione di trasformare una passione in un lavoro, che possa realizzare il suo sogno. 

L'avventura è finita, non è stata una semplice scalata, la montagna aveva appigli scivolosi, ma adesso che stiamo guardando il panorama e la vetta è raggiunta, come vi sentite?

Siate almeno orgogliosi del lavoro che avete svolto.

Esercizio:

Come vi comportate per l'invio del manoscritto?

Che esperienze avete avuto?

A presto, come sempre la vostra Sharon.

Commenti

  1. Ciao Sharon, concordo, bisogna scegliere con cura l'editore. Ad alcuni sembra un lavoro noioso e preferiscono spedire a caso, invece a me capita di osservare i siti web delle CE e sentire una carica di adrenalina, quando scelgo a chi inviare mi sento già a un passo dal sogno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vanessa!
      Succede anche a me!
      Il fatto di scegliere con cura l'editore che possa fare al mio caso, mi fa sentire felice, certo anche terrorizzata dal pensiero di non ricevere risposta, però almeno so di averci provato!
      A presto.
      Sharon

      Elimina

Posta un commento

Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi rimanere aggiornato sulla conversazione via e-mail ti consiglio di mettere la spunta su "inviami notifiche".
Il tuo parere conta, ma non dimenticarti di esprimerlo!

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico?

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico? Il titolo di per sé dovrebbe darvi un'idea dall'argomento che tratterò in questo articolo, ma perché la paura di parlare in pubblico da parte di uno scrittore? 
Come molti di voi sapranno non è proprio una cosa naturale per uno scrittore parlare in pubblico, perché tutto ciò che si ha da dire lo si comunica attraverso le parole scritte, ma allo stesso modo è inevitabile dover raccontare a volte ciò che si crea.

Quindi come si fa a superare questa paura? 

Non esistono formule magiche, e neppure esercizi di preparazione, ma penso di potervi rincuorare raccontandovi la mia recente esperienza.

Può essere semplice?  

Diciamo per così dire!

In questi giorni mi è capitato di parlare in pubblico, per un attimo ho temuto il peggio per la mia stessa sanità mentale e capisco che possa sembrare facile a parole, ma con i fatti è tutt'altra storia.

Parlo quindi a discapito di ciò che credevo e pensavo, finché non ho provato l'es…