Passa ai contenuti principali

36 guida: Scrivere la quarta di copertina di un romanzo


Come scrivere un romanzo e comunicare un messaggio:
Trentaseiesimo capitolo 
- Scrivere la quarta di copertina -


Partiamo dal fatto che la quarta di copertina non è la trama e infatti ve ne avevo già parlato in questa guida e del modo in cui scriverla.

La prima opzione normalmente serve a pubblicizzare il vostro romanzo e a convincere il potenziale lettore a comprarlo, a differenza della seconda opzione che serve invece a incentrare le parti centrali del romanzo.

Solitamente si trova nel retro della copertina principale che mostra l'immagine da voi scelta e il titolo del romanzo, il modo di gestirla dovrebbe competere all'editore stesso che decide di pubblicarvi, anche perché si potrebbe aggiungere benissimo la parte più saliente della trama, delle note dell'autore e dell'opera stessa. 

Non è un lavoro da prendere alla leggera, ma anzi andrebbe realizzato con calma e dedizione, la stessa che avete usato per scrivere l'intero romanzo perché un potenziale lettore decide a impatto se comprare o no il libro in base a quanto scopre nella quarta, quindi dovrete scriverla anche tenendo conto il genere di lettore a cui avete indirizzato il vostro libro.

Questo è un altro aspetto importante, quando scrivete la quarta dovete tenere a mente che non tutti possono amare il vostro libro e sarebbe preferibile concentrarsi su una determinata categoria, per evitare il dispendio di informazioni con lettori a cui non interessa minimamente il vostro genere, ma questo problema normalmente si affronta dopo la pubblicazione, eppure credo sia giusto mettervi a disposizione anche queste informazioni, perché è più facile muoversi se si conosce l'ambiente.

Inoltre cercate di usare parole semplici e che attirino il lettore, che gli faccia porre delle giuste domande e lo incuriosisca al punto da fargli comprare il romanzo. 

Ricordate comunque che dovreste incuriosire e non raccontare la storia, quindi attenzione a questo particolare o potreste far allontanare il lettore avendogli svelato troppi particolari, ma dovete comunque aggiungere quelli importanti, tipo: genere, ambientazione e così via.

In ultimo se non avete esperienza cercate spunto dai libri famosi e provate a imparare da essi e anche ovviamente dai consigli dell'editore con cui siete in collaborazione, o in caso contrario, fate riferimento a qualcuno che abbia già vissuto questa esperienza. 

Esercizio:

Avete capito la differenza tra la trama, la quarta di copertina e la sinossi?

Cosa ne pensate della quarta in particolare?

Credete sia davvero importante come viene descritta?

A presto, la vostra Sharon. 

Commenti

  1. Credo che la quarta di copertina sia importantissima. Da lettrice, è ciò che per me determina l'acquisto del libro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuliana;
      Da lettrice, oltre alla quarta, anche il titolo influisce sulla decisione di acquistare un libro, oppure no.
      A presto.
      Sharon

      Elimina
  2. Certo, titolo e quarta devono stuzzicare il lettore che deve rimanere incuriosito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luciana, benvenuta.
      Esatto, sono due aspetti molto importanti della scrittura, purtroppo non tutti lo capiscono appieno.
      A presto.
      Sharon

      Elimina

Posta un commento

Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi rimanere aggiornato sulla conversazione via e-mail ti consiglio di mettere la spunta su "inviami notifiche".
Il tuo parere conta, ma non dimenticarti di esprimerlo!

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…