Passa ai contenuti principali

Narrare con arte - Gli elementi base di un racconto; Il tempo, lo spazio e il ruolo del narratore - parte due


Narrare con arte

Gli elementi base di un racconto:
il tempo, lo spazio e il ruolo del narratore


Lo spazio nella narrazione:

Elemento fondamentale della narrazione è lo spazio, individuato nelle sequenze descrittive. 
Spazio e descrizione sono in stretta correlazione tra loro.
Le differenze tra narrazione e descrizione sono puramente contenutistiche.
La narrazione è costruita su azioni o eventi intesi come processo, nei quali l’accento è posto sull’aspetto temporale e drammatico del racconto.
La descrizione, invece, focalizza l’attenzione del lettore sui particolari, e pare quasi sospendere il corso del tempo, inducendo una dilatazione del racconto nello spazio.

Lo spazio narrativo:
Lo spazio narrativo fa da sfondo alla vicenda narrata.
È la descrizione di tutto ciò che è inserito in un racconto: ambiente, oggetti, persone, fenomeni… Il flusso degli eventi narrati scorre attraverso lo spazio, che può essere reale, immaginario o simbolico. 
 - Lo spazio reale: determina lo spazio geografico o quello che fa da sfondo ai personaggi in cui si possono distinguere gli oggetti che lo caratterizzano.  €

- Lo spazio immaginario:  determina lo spazio inventato dalla fantasia dell’autore. €

.- Lo spazio simbolico: determina la rappresentazione dai sentimenti dell’autore e dei personaggi.

Nel rappresentare uno spazio, lo scrittore può privilegiare lo spazio aperto e/o lo spazio chiuso in base alla funzione narrativa scelta.
Uno spazio aperto, vasto, ampio caratterizza un intreccio ricco di azione, a differenza dello spazio chiuso, come può essere quello di stanze, appartamenti e interni.

Il campo di relazioni in uno spazio narrativo:
Lo spazio non è solo la ricostruzione di un ambiente, ma può rappresentare una vastità di valori legati alla personalità dell’autore e che si riflettono sulla sua visione del mondo.
Le categorie coinvolte possono anche essere contrapposte, in una trama di relazioni di contiguità e di opposizione.
Le relazioni di contiguità sono caratterizzate da un elemento che all’interno della vicenda narrata predomina sugli altri.
Le relazioni di opposizione si raccolgono intorno a un asse oppositivo e creano categorie oppositive.

- luce/buio
- alto/basso
- vicino/lontano
- rumore/silenzio
- finito/infinito

Anche per oggi abbiamo affrontato un argomento interessante e che bisognerebbe sapere per scrivere con tecnica.

Più avanti ci concentreremo sul ruolo del narratore!

Voi conoscete queste basi narrative?

A presto, come sempre la vostra Sharon.

Commenti

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…