Passa ai contenuti principali

Come usare il Brainstorming nella scrittura


Che cos'è il Brainstorming?


Partiamo dal presupposto che questo metodo di organizzazione non è consueto nel mondo della scrittura e a dire la verità lo usavo senza sapere cosa fosse realmente.

Mi è sempre piaciuto riordinare le idee prima di iniziare a scrivere e quindi per ogni personaggio facevo una lista di parole che si legassero a doppio filo ad esso.


Del tipo, se si vuol raccontare la storia di un medico:

Sangue, dolore, ospedale, medicina, camice, mascherina, pazienti, parenti, ecc ...

Poi dopo aver capito la fabula, mi concentravo sul singolo aspetto, del tipo:

- Per il sangue potevo raccontare un incidente in macchina,

- Per il dolore un mal di testa da emicrania,

- Per l'ospedale una visita di controllo,

- Per una medicina la pressione bassa,

- Per un camice un lavaggio a secco,

- Per una mascherina una sala di rianimazione,

- Per un parente l'aiuto verso un malato,

- Per un paziente l'ansia dell'esito.

Insomma vedete come l'intreccio si crea da solo?

 Partendo da questo inizio si può costruire una storia con delle sequenze logiche.

Un metodo semplice ed efficace che aiuta a non creare confusione nella testa.

Precisamente però significa in italiano: Tempesta di cervelli e questo termine si usa ad indicare una modalità di lavoro in cui viene sfruttato il gioco creativo dell'associazione delle idee; la finalità è fare emergere diverse possibili alternative in vista della soluzione di un problema.

Ovviamente ho sfruttato il Brainstorming a modo mio ancor prima di saperne il significato e vi consiglio di provare anche voi ad usarlo, perché non c'è modo migliore che scrivere sapendo quello che si vuole comunicare.

A presto, come sempre la vostra Sharon.


Commenti

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…