Passa ai contenuti principali

Suscitare un'emozione con un romanzo


Suscitare un'emozione con un romanzo


Credo che questo dovrebbe essere l'obbiettivo principale di ogni scrittore,  chiedersi il perché la propria storia dovrebbe essere diversa e memorabile.
Non è di certo una domanda semplice e purtroppo sono davvero pochi gli scrittori che riescono in una tale impresa.

L'idea, il modo di descrivere un personaggio e le sue emozioni, non è per niente facile, ma poi alla fine cosa resta davvero di cento pagine scritte?

L'emozione: Questo dovrebbe essere il centro di tutto il racconto.

Vorrei farvi un esempio, forse stupido, ma quando ero bambina, mi sono innamorata di Geronimo Stilton, con le sue imprese riusciva a farmi sentire un'eroina e molti dei romanzi trattavano argomenti quotidiani.
Ricordo un racconto che era incentrato sulla paura di andare dal dentista, ebbene, grazie a  Geronimo sono riuscita a superare quel blocco.

Capisco che come termine di paragone non ha niente a che vedere con la Divina commedia, eppure ogni libro, nel suo piccolo, lascia un'impronta, quale che essa sia.

Però c'è una domanda che mi sta assillando da tutto il giorno, per caso mi sono ritrovata ad ascoltare di nuovo la canzone dei Depeche Mode - Enjoy The Silence e davvero ogni volta mi viene la pelle d'oca e mi sono chiesta:

Come suscitare in tale misura un'emozione diretta e trasparente come fa una canzone?

Ci sto ancora lavorando, i miei due romanzi pronti trattano principalmente Fantasy ed è difficile trasmettere un messaggio potente e indelebile quando si tratta di fantasia, ma poi mi sono dovuta ricredere, so benissimo qual'è per me la risposta adeguata.

La passione è stata l'inizio di tutto e quando ho capito di voler spiegare le sottile linea che separa la fantasia dalla realtà, non ho mai smesso di provarci.

Ognuno di noi ha dentro di se un'impronta, dobbiamo solo capire come tirarla fuori.

Scusate lo sfogo giornaliero, a volte penso troppo, ma riflettere aiuta a migliorarsi, o almeno ci provo, quindi continuate a pensare al perché voi dovreste essere diversi, perché dovreste emergere dalla massa, che cosa avete voi da dire?

Come sempre la vostra Sharon, a presto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione - Punti cardinali - edita da Chance Edizioni

Titolo: Punti Cardinali
Autore: Autori Vari

ISBN: 9788894352801

Pagine: 152

Anno di Pubblicazione: 2018

Formato: Cartaceo

Prezzo di Copertina: € 12,00

Recensione - Punti cardinali -  Edita da Chance Edizioni

Scrivere un racconto breve non è impresa da sottovalutare, anzi, al contrario di un romanzo, risulta essere un po' più difficoltoso per via dello spazio ristretto in cui l'autore è costretto a narrare; proprio in questo spazio s'intuisce l'abilità di un autore, poiché egli deve costruire uno o più personaggi e farli muovere in condizioni limitate per delineare un'ambientazione che riesca a suscitare la giusta coerenza.  
Per di più caratterizzare un personaggio non è facile nemmeno nell'arco di un intero romanzo, figuriamoci in un paio di pagine. 
Questo è uno dei motivi che dovrebbe spingere ogni autore a tentare la stesura di un racconto, per mettersi alla prova a capire quanto stile esista nel suo animo.  
Perché l'arte è di tutti, ma lo stile va forgiato come…