Passa ai contenuti principali

Dedicato ai lettori del blog - GRAZIE -


Ciao a tutti cari lettori, grazie del vostro sostegno.


Questo post non era in programma, o almeno non così presto, ma poiché in una sola giornata il blog ha avuto duecentonove visualizzazioni, mi sono ritrovata spiazzata e piacevolmente sorpresa, ho pensato che sia giusto inserire questo scritto dedicato solamente a voi.

Grazie lettori, siete un'immensa fortuna, un blog senza di voi non sarebbe nulla.

Non mi aspettavo di arrivare a questo traguardo nell'immediato, pensavo ci volesse più tempo e più costanza di pubblicazione, in ogni caso, ne sono onorata.

Questo blog è un'estensione della mia persona, un luogo dove posso esprimermi senza aver paura di menzionare idee che potrebbe risultare strambe e fuori luogo, perché credo che alla fine un po' tutti gli scrittori hanno questo problema.

Parlare con la gente comune distorce la nostra mente, come una frequenza disturbata, non si riesce a tirare fuori il meglio di noi stessi, o forse è solo una mia sensazione e devo parlare per me stessa.

Quando ho aperto questo blog, nel lontano 2014, non ero sicura di star facendo la cosa giusta, ma perché avevo paura del confronto con gli altri, di cosa esattamente non l'ho ancora capito.

Per vari motivi personali ho lasciato il blog a se stesso, non me ne sono presa cura e me ne rammarico, da soli due mesi ho ripreso in mano il mio luogo personale e mi sono messa al lavoro.
Grazie ancora per questa piacevole sorpresa e per la possibilità di rimettermi in carreggiata.

Grazie a chi a perso anche solo un minuto del suo tempo per dedicarlo al mio blog, ve ne sono grata.

A presto, come sempre la vostra Sharon.

PS: In questo momento siamo arrivati a duecentoventi visualizzazioni, grazie!

Commenti

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…