Passa ai contenuti principali

Il Liebster Award 2017

Il Liebster Award 2017


Ciao a tutti cari lettori e lettrici;
Quest'oggi tratterò un argomento particolare, sono stata nominata al Liebster Award 2017, un riconoscimento virtuale per blog e ho deciso di partecipare per avere l'occasione di farmi conoscere più profondamente in merito alla mia passione e poiché mi piace fare le cose fatte bene, seguirò passo per passo il regolamento inserito nella pagina ufficiale.

Ringraziamento alla blogger che mi ha nominata per il riconoscimento: 


Ringrazio di cuore la blogger Maria Teresa di anima di carta per aver nominato
" vivo per scrivere e leggere " e di conseguenza per avermi dato la possibilità di farmi conoscere, per questo non potrò mai ringraziarla abbastanza.

Domande di Maria Teresa alle quali risponderò per il riconoscimento: 


1. Qual è stato il posto più strano in cui hai scritto?

Il posto più strano in cui ho scritto, a parte ovunque mi venissero delle idee, è stato nello spiazzo di un bar, mi trovavo all'aperto circondata da molte persone e ho preso la balla al balzo per studiare i loro comportamenti, in particolare le abitudine che ci contraddistinguono.

2. Qual è il tuo peggior difetto come scrittore?

Il mio peggior difetto come scrittrice è cercare una perfezione che non esiste.

3. E il tuo maggior pregio? (niente modestie, su)

Il mio maggior pregio è credere nella mia passione, ci credo così tanto, che senza mi sentirei un fantasma in un mondo di vivi.

4. Qual è l'aspetto della scrittura che più odi?

Nella scrittura, l'aspetto che più non sopporto, è la logica, comprendo perfettamente che essa è importante per la coerenza della storia, ma se ti concentri troppo sulla struttura narrativa, alla fine finisci per perdere di vista l'input del momento che deriva dal cuore stesso della passione.

5. E quello che più ami?

L'aspetto che più adoro nella scrittura è la semplicità con cui le parole prendono forma nella mi mente, la penna scivola veloce sul foglio bianco, all'inizio sembra solo inchiostro, poi lettere e alla fine parole che esprimono i miei pensieri.

6. Qual è la scena più difficile che hai scritto finora?

La scena più difficile che ho scritto finora si trova nel mio secondo romanzo, in verità è ancora in fase di correzione; la suddetta scena, vede i personaggi principali in un menage a troi e descrivere il sesso non è mai semplice.

7. Qual è il genere che non scriveresti mai, neanche sotto tortura?

Il genere che non scriverei mai è il giallo, non sono portata per scrivere casi di omicidio e il loro risolvimento tramite intrighi e bugie.

8. Qual è il genere di romanzo che scriveresti, se ben pagato e sotto pseudonimo?

Probabilmente  scriverei un romanzo horror, per quanto possa farmi raggelare il sangue nella vene, magari lo farei, anche se non ne sono del tutto convinta; alla fine nessun compenso è abbastanza alto da farmi andare contro i miei principi morali e le mie convinzioni, ma nella vita nulla è assoluto e credo bisogna trovarsi nelle situazioni per capire veramente come si reagirebbe.

9. Qual è il genere che vorresti scrivere, ma che sai non scriverai mai?

Mi piacerebbe scrivere un romanzo rosa, semplice con cuori e fiori, ma per quanto possa piacermi l'idea, non è per niente il mio campo.

10. Qual è stato il testo più strano che hai scritto finora?

Il testo più strano che ho scritto finora si trova nel mio primo romanzo, si tratta di una scena iniziale in cui presento i protagonisti e l'uomo della situazione, dal carattere brutale e dai sentimenti inesistenti, lega la giovane ragazza, innamorata dell'idea che si era fatta del suddetto uomo, al corrimano delle scale e la lascia tutta la notte a districarsi nella scomodità del pavimento.

11. Un tuo personaggio che hai odiato

Il personaggio che più non sopporto si chiama Viktor, è il protagonista secondario del mio primo romanzo, l'uomo prende spunto per la sua caratterizzazione da una persona che conosco. 


Il premio del Liebster Award 2017:



Promuovo un blog:

In merito al regolamento del riconoscimento, scriverò una piccola descrizione del mio blog preferito, specificando perché lo seguo e perché mi piace.
Il nome del blog è:il mio libro 
Ad essere sincera ho trovato il blog quasi per caso, stavo cercando dei corsi online di scrittura creativa ed ecco che girovagando per il web, ho trovato quello che cercavo.
Il blog offre la possibilità di frequentare dei corsi gratuiti e promuove degli ottimi consigli su come migliorare il metodo di scrittura, ma cosa ancora più importante per me, esso è gestito dal gruppo editoriale GEDI e accompagnato dalla scuola Holden, la migliore risorsa per futuri scrittori.
Mi piacerebbe frequentare questa rinomata scuola, ma purtroppo non rientra nelle mie possibilità e così seguo tramite i social tutto quello che propongono.
Per ritornare in argomento, il mio libro, è il miglior sito web per aspiranti scrittori che intendono davvero fare di una passione un lavoro a lunga durata, perché scrivere non è buttare a caso parole su un foglio, ma cercare di comunicare tra le righe un messaggio potente e rivelatore.
Tra l'altro questo blog offre anche la possibilità di partecipare al premio letterario il mio esordio, vi consiglio di leggere il regolamento e prendere in considerazione questa magnifica avventura.
Colgo l'occasione per ringraziare tutte le persone che lavorano per il blog il mio libro
Grazie per la possibilità di imparare in modo facile e gratuito, molte persone nella mia stessa situazione e che hanno voglia di studiare, non hanno i mezzi necessari per farlo. Grazie ancora. 

Fornisco dieci fatti casuali su di me:


1. Non mi piacere perdere tempo, per questo motivo non inizio mai una cosa se non sono sicura di portarla a termine.

2. Non ho pazienza, quando mi fisso su un obbiettivo, divento snervante e logorroica. 

3. Sono allergica alla nocciola.

4. Sono un topo da biblioteca, il più delle volte preferisco leggere un buon libro, all'uscita con un'amica.

5. Non potrei vivere senza la scrittura, credo di averlo ribadito abbastanza.

6. La prima saga che per ragazzi che ho letto è quella di Stephenie Meyer. 

7. I primi libri in assoluto che ho sfogliato sono quelli di Geronimo Stilton, ero solo una bambina, frequentavo la scuola primaria. 

8. Ultimamente non ho molto tempo per leggere, la correzione dei miei romanzi mi porta via più tempo di quanto mi piaccia ammettere.

9. Quando ho finito il mio primo romanzo mi sono sentita vuota e senza uno scopo nella vita, sembra assurdo, lo so, eppure la storia mi aveva assorbito così tanto, che alla parole fine è stato come avere l'anima divisa a metà. 

10. Il finale del mio secondo romanzo lascia aperta la possibilità di un seguito. 

Premio i seguenti blog:


- Io amo i libri e le serie tv di Benedetta Leoni
- Bomber Web Blog di Daniele Bottoni Bomber
- Il lago dei misteri di Alfa
- Penna blu di Daniele Imperi
- Ain't Talkin, Just Walkin 
- Sul romanzo di Morgan Palmas
- Luisa carrada di Luisa carrada

Domande per i blog da me citati:


1. Cosa significa per te il termine scrittura?

2. Quando scrivi visualizzi un messaggio da comunicare oppure no? 

3. Come trovi le idee per le tue storie?

4. Come caratterizzi i personaggi nei tuoi romanzi?

5. Quanto è importante per te la struttura narrativa?

6. Come gestiti il tempo per scrivere nel tuo blog?

7. Da dove prendi spunto per gli argomenti che tratti nel tuo blog? 

8. Quando scrivi utilizzi il metodo dell'input?

9. Il miglior incipit che hai mai letto? 

10. Il miglior finale che hai letto?

11. Da cosa hai capito che la scrittura è la tua passione? 

Link per il regolamento al sito ufficiale:




Fine della mia partecipazione:


Per ultimo, ma non meno importante, vorrei ringraziare i blog che ho nominato per la partecipazione, in caso contrario, mi scuso per il disturbo; ad ogni modo, questa premiazione è stata una bella sorpresa che non mi aspettavo.

Vorrei fare presente a chiunque abbia voglia di divertirsi e di farsi conoscere, che può partecipare rispondendo alle domande commentando sotto al post.

A presto, come sempre la vostra Sharon. 









Commenti

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…

Analisi del racconto " Il cuore rivelatore " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il cuore rivelatore " di Edgar Allan Poe
La storia viene raccontata dal punto di vista del narratore di cui non viene specificata l'età, o il nome, le caratteristiche fisiche e nemmeno viene narrato il suo passato, praticamente non sappiamo nulla di questo personaggio o la sua collocazione spaziale e temporale, il protagonista si rivela in rapporto a un'unica attività, condotta in solitudine e in isolamento.
Ciò che ho potuto constatare di quest'uomo sono le sue condizioni psicologiche e caratteriali nei momenti salienti del racconto:
- Durante il resoconto: Trepida attesa ed ossessionato dall'occhio del vecchio,
- Nell'attesa notturna: Ossessionato e irrequieto nel preparare l'omicidio,
- Nel momento dell'omicidio: Distaccato e sollevato di aver posto fine al suo unico obbiettivo,
- All'arrivo della polizia: Fiducioso e senza nulla da nascondere,
- Nei momenti che precedono la confessione: Turbato e perseguitato dal su…

Analisi del racconto " Il gatto nero " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il gatto nero " di Edgar Allan Poe
" Per il racconto più straordinario, e al medesimo tempo più comune, che sto per narrare, non aspetto né pretendo di essere creduto. Sarei davvero pazzo a pretendere che si presti fede a un fatto a cui persino i miei sensi respingono la loro stessa testimonianza. Eppure pazzo non sono, e certamente non vaneggio. Ma domani morirò, e oggi voglio scaricare la mia anima. "
Edgar Allan Poe ci propone questo sensazionale racconto con un esordio sorprendente retrospettivo.

La storia è scandita in due segmenti ben differenziali, il racconto sembra ripetere due itinerari simili: dalla felice o quantomeno appagante presenza del gatto alla caduta morale.  Due atti delittuosi segnano la fine dei due segmenti e aprono rispettivamente alla perdita economica conseguente all'incendio dell'abitazione del protagonista e alla sua condanna a morte.
Una serie di doppi affiorano nel racconto e contribuiscono in modo fond…