Passa ai contenuti principali

Guida: Epilogo


Come scrivere un romanzo e comunicare un messaggio:
Epilogo 


Vi saluto per l'ultima volta, il viaggio di questo progetto è definitivamente concluso, non ho altro da consigliare, tutto ciò che sapevo l'ho condiviso con voi, tutte le mie esperienze, tutto quello che mi ha aiutato a migliorarmi negli anni, è a vostra completa disposizione.

Abbiamo la fortuna di avere internet e pertanto questa risorsa andrebbe usata in modo costruttivo, per l'informazione, per la condivisione di idee e per conoscersi.

Spero che questa guida vi sia stata di aiuto e che vi abbia trasmesso quanta passione dedico al mio sogno e a quanta dedizione io metta nel mio lavoro.

Sono solo una scrittrice emergente e faccio in modo di non perdermi in grandi progetti, penso principalmente al presente, imparo dal passato per migliorare il mio futuro.

Nella vita i sogni sembrano irraggiungibili, come se dovessimo toccare una stella con un dito, ma è l'idea sbagliata che abbiamo in testa a farci sentire impotenti, perché niente è impossibile se lo si vuole davvero.

L'importanza di credere in un sogno potrebbe fare la differenza nella sua riuscita, anche se gli ostacoli sono molti e le porte che vi chiuderanno in faccia probabilmente vi faranno sanguinare il naso, non dovete dargli peso.

Abbiate la costanza di credere nei vostri sogni, perché è proprio quando smettete di farlo che essi muoiono e vi costringono a una vita spenta e vuota.

Se dovessi pensarmi senza la scrittura mi definirei un fantasma in un mondo di vivi.

Buona fortuna con il vostro romanzo.

Esercizio:

Avete concluso il romanzo?

Com'è stata per voi quest'esperienza?

Vi aspetto con il prossimo articolo.

Una nuova recensione di un'autrice esordiente!

A presto, come sempre la vostra Sharon.

Commenti

  1. Un bellissimo articolo alla fine di una bellissima guida. 😍
    P.S. ho riconosciuto una certa frase. 💖

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuliana!
      Grazie mille per tutto il sostegno <3
      P.S: Non ho potuto resistere alla tentazione di riutilizzarla <3
      Un abbraccio.
      Sharon

      Elimina

Posta un commento

Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi rimanere aggiornato sulla conversazione via e-mail ti consiglio di mettere la spunta su "inviami notifiche".
Il tuo parere conta, ma non dimenticarti di esprimerlo!

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…