Passa ai contenuti principali

Elena Cappai Bonanni - Askatasuna -

Rubrica settimanale degli scrittori 

Con questa presentazione la rubrica volge al suo termine. 

Per mesi e mesi mi sono occupata di dare visibilità agli scrittori emergenti, ma ormai il tempo è tiranno e non mi è possibile inseguire nessuno, quindi ho deciso di concentrarmi su altri progetti. 

A settembre ricomincerò gli studi, per diplomarmi al liceo classico, ma il blog avrà sempre il suo spazio all'interno della mia vita. 

Vi ringrazio per avermi seguito sino a qui, e vi invito a continuare a farlo, credo che potrei farmi venire idee brillanti per i prossimi articoli. 

In questa ultima puntata vi presento Elena Cappai Bonanni, autrice della Chance Edizioni. 


Biografia autrice
-Elena Cappai Bonanni-

Elena Cappai Bonanni è nata a Cuorgnè, in provincia di Torino, nel 1996. 

Diplomata presso il Liceo Carlo Botta di Ivrea, attualmente vive a Torino, dove studia Lingue e Letterature Moderne. 

Scrive poesie in lingua italiana e spagnola, rintracciabili nel suo profilo instagram sotto il nome di lunaruggine; partecipa ad eventi di poesia performativa e poetry slam dei circuiti Lips e Slam Italia. 

Questa è la sua prima opera in prosa

Trama 
- Askatasuna - 

Aska vive ogni giorno come isolata da ogni cosa, quasi non aspettasse altro che spegnersi come quelle stelle che si sente dentro e che non capisce mai cosa stiano facendo. 

Gelida e assente, dà via il suo corpo e, con lui, ciò che resta di lei. Ma Aska non è poi così sola, anzi è proprio l’essere tanto legata agli altri – ai pochi con cui ha in comune qualche cosa di spezzato e di luminoso – che la condanna e la salva al contempo. 

Askatasuna è una storia che si vede e si sente tutta dall'interno, la registrazione di ciò che accade alla protagonista, ma non solo. Un soliloquio liquido e frantumato, autentico e allucinato che, secondo un’astronomia introspettiva, cerca nelle sue viscere il senso della sua stessa storia: l’unico possibile. 

Tra immagini oniriche, evocazioni e poetica, Aska riuscirà infine ad afferrarsi da sola. 

E a liberarsi da se stessa.

Fine presentazione.

Cosa ne pensate? 







Commenti

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…