Passa ai contenuti principali

Martina Capezzuto - Tempo perso -


Rubrica settimanale degli scrittori 

Come ogni mercoledì, la rubrica vi presenta un'altra scrittrice e la sua storia.
Ho deciso di tornare alle origini e di dare spazio anche agli autori non pubblicati.
Perché esistono davvero tante belle storie, che aspettano solo di essere scoperte! 

Biografia di Martina Capezzuto:

Il 18 marzo del 1998 qualcuno all'inferno deve aver deciso che sulla terra non erano presenti sufficienti disgrazie, quindi sono arrivata io: Martina Capezzuto, in arte Misses Mad. 

Sono nata nel cuore di Napoli, dove sono rimaste le mie radici, mentre i miei rami stanno fiorendo nelle verdi campagne abbruzzesi. 

Ogni piccolo fiore è un passo avanti verso chissà dove. Al momento sono rivolta verso la scrittura, grande passione sbocciata in me all'età di 13 anni. È strano come alcune cose succedano e basta, ti travolgono in momenti e in modi completamente inaspettati. 

Io odiavo la lettura e non mi sarei mai immaginata che un giorno sarei finita a scrivere, nonostante gli ottimi risultati che ottenevo con i temi d'italiano a scuola. Tutti lì pronti a dirmi "Martina, dovresti scrivere, sei brava!" e io non credevo ad una sola parola, forse non ci credo nemmeno oggi. 

La scrittura, la voglia di raccontare, è diventata una necessità quando dovetti abbandonare il mio primo grande amore: la danza. Non sapendo come riempire i miei pomeriggi, e avendo scoperto da poco i cartoni animati nipponici, iniziai a leggere partendo proprio dai fumetti che ispiravano tali opere.

Da lì in avanti iniziai a leggere fumetti su fumetti e, quando quelli iniziarono a non bastarmi, iniziai coi libri. Rimasi davvero sorpresa da quanto leggere, una cosa che fino a quel momento avevo ripudiato, riuscisse a farmi stare bene. 

Il mio primo approccio con la struttura lo ebbi grazie ai giochi di ruolo su internet. All'inizio devo dire che la mia tecnica si riduceva a "lo guarda e sorride" (i player capiranno), ma come in ogni cosa si migliora con la pratica, e io di pratica ne facevo davvero tanta. 

Il tempo passava e lo scrivere iniziava a diventare una passione sempre più grande, ma limitata al solo gioco di ruolo, finché un giorno, mentre stavo raccontando a scuola le disavventure di un mio personaggio che usavo appunto nei giochi di ruolo, mi resi conto dell'attenzione con la quale venivo ascoltata. 

E se la cosa non si riducesse solo ad un gruppo di ragazzine? Se piaceva a loro poteva piacere ad altre persone! In seguito una mia amica mi fece scoprire Wattpad e da lì è iniziata la vera e propria avventura. La prima storia pubblicata è "come l'arsenico nei cioccolatini" e riguarda proprio Alice, il personaggio usato per i giochi di ruolo. 

È una storia che scrivo insieme a Kiara Santilli, grandissima scrittrice nonché mia compagna di giochi e amica. Più di recente mi sono dedicata a "tempo perso", storia che questa volta ho scritto in solitaria. Nonostante io scriva, è quello che scrivo - a quanto pare - piace a qualcuno, non riesco a definirmi una scrittrice, non perché io non voglia, ma perché tale ruolo appare davvero enorme ai miei occhi. 

Un po' come se fosse la risposta da dare alla domanda "cosa vuoi fare da grande?" è una domanda cruciale, alla quale si dà sempre una risposta imponente, così imponente da apparire irraggiungibile. 

Fatto sta che, scrittrice o meno, in tutto ciò che scrivo, che sia una risposta per un gioco di ruolo, un capitolo di una storia o una semplice presentazione, ci metto una parte di me, nascosta in bella vista per chi saprà vederla. Beh, credo non ci siamo alto da aggiungere, spero di non essere risultata tediosa e che a qualcuno possa essere interessato davvero questa mia piccola presentazione. 

Trama "tempo perso": 

Lui cammina tra di noi senza essere percepito. 
Una vita senza fine, un mondo senza tempo e un'ossessione lunga quanto la sua vita.

Fine presentazione!

Martina si fa riconoscere per la sua personale biografia, si presenta in modo diretto e ci mette in condizione di portala conoscere meglio. 

Credo molto negli autori esordienti, ma anche negli scrittori non pubblicati, e di conseguenza, visto che era un po' di tempo che non ne ospitavo uno, non potevo non segnalarvi Martina, che come avete capito, si cimenta a scrivere storie su Wattpad.

Se siete incuriositi della trama, o dalla sua persona, perché non andate a scoprire la sua storia?





Commenti

  1. Ehi gente! Non so se il mio nome appare o meno, ma sono Martina. Vi lascio qui il link per arrivare a "tempo perso". Fatemi sapere cosa ne pensate, per me i commenti e i consigli sono molto importanti!
    https://my.w.tt/LHta7k9aEL
    Prometto che la storia non morde ��

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Martina;
      Grazie per aver segnalato il link alla tua storia!
      Ti auguro tanta fortuna, a presto.
      Sharon.

      Elimina

Posta un commento

Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi rimanere aggiornato sulla conversazione via e-mail ti consiglio di mettere la spunta su "inviami notifiche".
Il tuo parere conta, ma non dimenticarti di esprimerlo!

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico?

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico? Il titolo di per sé dovrebbe darvi un'idea dall'argomento che tratterò in questo articolo, ma perché la paura di parlare in pubblico da parte di uno scrittore? 
Come molti di voi sapranno non è proprio una cosa naturale per uno scrittore parlare in pubblico, perché tutto ciò che si ha da dire lo si comunica attraverso le parole scritte, ma allo stesso modo è inevitabile dover raccontare a volte ciò che si crea.

Quindi come si fa a superare questa paura? 

Non esistono formule magiche, e neppure esercizi di preparazione, ma penso di potervi rincuorare raccontandovi la mia recente esperienza.

Può essere semplice?  

Diciamo per così dire!

In questi giorni mi è capitato di parlare in pubblico, per un attimo ho temuto il peggio per la mia stessa sanità mentale e capisco che possa sembrare facile a parole, ma con i fatti è tutt'altra storia.

Parlo quindi a discapito di ciò che credevo e pensavo, finché non ho provato l'es…