Passa ai contenuti principali

Simona Mendo - L'altra faccia della luna -




Rubrica settimanale degli scrittori 


Buon mercoledì lettori e lettrici.
Quest'oggi vi presento un'altra autrice e la sua opera.

Biografia di Simona Mendo:

Sono nata a Genova, adoro ballare, scrivere, leggere racconti di viaggio (amo viaggiare con la fantasia) e romanzi d'amore. 
Ma soprattutto occuparmi delle mie bambine che, insieme a mio marito, sono le mie fans più sfegatate.

Fin da ragazza, oltre ad essere un'accanita lettrice di romanzi d'amore, ho riempito interi quaderni di storie travagliate e appassionanti, scritte rigorosamente con la penna blu.

“L’altra faccia della luna” nasce due anni fa, quando mi sono innamorata di un luogo sperduto della mia splendida città, e ho deciso di ambientare lì la straordinaria storia di Luna.

Il genere rientra nel romanzo sentimentale, ma con un pizzico di erotismo.

Trama - L'altra faccia della luna -

“Luna è una bellissima ragazza di 18 anni. È una studentessa modello, la figlia che ogni genitore desidererebbe avere. è solare, sempre sorridente, generosa e altruista. 

E, soprattutto, non è una da colpi di testa. Finché, un giorno, ossia il giorno del suo diciottesimo compleanno, esce di casa per incontrarsi con le amiche e non farà più ritorno.”

Luna entrerà nel cuore di ogni lettore, così come è entrata nel mio, nell'attimo stesso in cui ci siamo incontrate e ha deciso di fidarsi di me svelandomi la sua straordinaria vita.


LUNA

“Mi aggrappo con le mani alle soffici pieghe del maglione, chiudo gli occhi e mi raggomitolo nel suo abbraccio ispirandosi a fondo il profumo della sua pelle.
Forse è arrivato il momento giusto per mostrargli l'altra faccia della Luna. La mia.”



Fine presentazione!

Devo essere onesta, questo personaggio mi ha rubato il cuore.
Non ne so spiegare il motivo, ma il primo estratto che ho letto,nel gruppo di Facebook collegato al blog, mi ha fatto sciogliere come burro. 

Voi cosa ne pensate? 

Avete avuto la mia stessa sensazione? 




Commenti

  1. Buongiorno 😊 questa presentazione è aperta e lascia spazio all'immaginazione di un ipotetico futuro lettore. Pensando a Luna penso ad una ragazza piena di sogni, energia,possibilità, con la voglia di scoprire sè stessa. C'è qualcosa che scoprirà Luna, un messaggio nel romanzo? Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Monica, bella domanda!
      Sono curiosa anch'io e lascio la parole all'autrice!

      Elimina
    2. Buongiorno Moon! Luna è proprio come dici tu, come si capisce dalla presentazione. Deve affrontare prove difficilissime, deve mettersi in gioco e, soprattutto, deve compiere delle scelte... nel romanzo tutto sembra in un modo e poi quasi mai lo è. Perché in ognuno di noi c'è un lato nascosto, che difficilmente mostriamo, ma che nel romanzo viene prepotentemente portato alla luce...

      Elimina
  2. Ciao Simona, ciao Sharon! Mi piace molto l'idea che sta dietro alla storia che hai presentato, ovvero che c'è una parte di noi che resta nascosta, che sta al di là di ciò che gli altri vedono o che anche noi stessi percepiamo. Sembra che anche nella sinossi ci sia un po' questo doppio volto, perché parli di una personalità solare, di bellezza, di qualità positive. E poi a un certo punto si insinua il mistero, il dubbio, l'aspetto inquietante dato dalla scomparsa. Una storia che incuriosisce molto. Mi nasce spontanea la domanda, se il momento della sparizione è collocato all'inizio, a metà o alla fine della storia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria Teresa;
      Hai sollevato un'interessante riflessione!
      Vediamo l'autrice cosa risponderà!
      A presto.
      Sharon.

      Elimina
  3. Ciao Maria Teresa, la sparizione avviene quasi subito, ed è per questo che il romanzo cattura il lettore immediatamente: perché lui sa cosa succede e via via entra nella mente di Luna e degli altri protagonisti... la trama è molto vaga anche per questo motivo... ci sono numerosi colpi di scena e non voglio assolutamente rovinare la sorpresa!

    RispondiElimina

Posta un commento

Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi rimanere aggiornato sulla conversazione via e-mail ti consiglio di mettere la spunta su "inviami notifiche".
Il tuo parere conta, ma non dimenticarti di esprimerlo!

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico?

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico? Il titolo di per sé dovrebbe darvi un'idea dall'argomento che tratterò in questo articolo, ma perché la paura di parlare in pubblico da parte di uno scrittore? 
Come molti di voi sapranno non è proprio una cosa naturale per uno scrittore parlare in pubblico, perché tutto ciò che si ha da dire lo si comunica attraverso le parole scritte, ma allo stesso modo è inevitabile dover raccontare a volte ciò che si crea.

Quindi come si fa a superare questa paura? 

Non esistono formule magiche, e neppure esercizi di preparazione, ma penso di potervi rincuorare raccontandovi la mia recente esperienza.

Può essere semplice?  

Diciamo per così dire!

In questi giorni mi è capitato di parlare in pubblico, per un attimo ho temuto il peggio per la mia stessa sanità mentale e capisco che possa sembrare facile a parole, ma con i fatti è tutt'altra storia.

Parlo quindi a discapito di ciò che credevo e pensavo, finché non ho provato l'es…