Passa ai contenuti principali

Raccolta di racconti - Buck e il terremoto -


Rubrica settimanale degli scrittori:
- Buck e il terremoto -


Come vi avevo accennato settimana scorsa, quest'oggi come ospite della rubrica, vorrei presentarvi un progetto chiamato: 
- Buck e il terremoto -  

Sto parlando di una serie di racconti, scritti da più autori e pubblicati in tre diverse raccolte, il cui denaro è stato destinato ai terremotati.

Persone bisognose, non solo di aiuto economico, ma anche di sostegno morale e spero che questo possa avvenire tramite la condivisione di questo articolo.

Facciamo in modo che ciò che è davvero importante, venga letto e ascoltato.

Sarebbe un enorme contributo da parte vostra, acquistare una copia della raccolta.

Se volete fare un bel gesto di fine anno per i vostri figli, per i parenti, per gli amici, allora donategli la conoscenza della lettura.

In più, in questo modo potreste regalare un sorriso a chi è meno fortunato, a tutti quei bambini che non hanno più niente, che l'unica loro speranza sono le famiglie, genitori però, che non hanno più modo di farli crescere in armonia e senza che manchi loro niente, ma purtroppo la natura è senza controllo, si riprende ciò che l'uomo gli ha tolto, ma a discapito di vite umane, di figli, genitori, nonni, fratelli e sorelle.

Il nome di questo progetto rispecchia anche la finalità del motivo per cui è stato realizzato e sarà Giuliana Leone la voce che ve lo presenterà e che conoscerete.

Tramite questo articolo vorrei aiutare il progetto a espandersi a più persone, così che venga riconosciuto per l'importanza che ne deriva.

Presentazione del progetto dalla voce di Giuliana:

Ciao a tutti;
Mi chiamo Giuliana Leone e faccio parte della squadra di Buck e il terremoto, un gruppo di persone provenienti da tutta Italia. 
Insieme abbiamo realizzato tre raccolte di racconti a scopo benefico.

Domande per Giuliana a cura di Sharon Vescio:

1. Ciao Giuliana, innanzitutto vorrei chiederti qual è il tuo pensiero in merito a questo progetto e poi passeremo alle varie domande

- Penso che l'idea della curatrice sia stata magnifica: aiutare facendo ciò che amiamo di più. Far parte di questo progetto è stata una bellissima esperienza e spero di poter continuare a dare il mio contributo, in futuro - 

2. Le raccolte con quale scopo sono state realizzate?

- Le raccolte sono state realizzate con lo scopo di aiutare i comuni colpiti dal terremoto avvenuto nel 2016 e il progetto è patrocinato dai comuni di Amatrice e Accumoli - 

3. Quanti sono i racconti in totale nelle raccolte?

- I racconti sono 21 e sono stati scritti da altrettanti autori diversi. 
Si tratta infatti di storie molto differenti, di vario genere,.
A collegarle tutte c'è un filo conduttore, ovvero un messaggio di speranza.
Per quanto riguarda le tematiche, invece, quelle più ricorrenti sono:
Il natale, il terremoto, la resilienza, gli atti di quotidiano coraggio e l'amore che con la sua forza resiste a ogni scossa -

4. I nomi degli autori che hanno contribuito con i loro racconti?

- Gli autori dell'antalogia sono:

- Anna Maria Scampone " Lettera a Babbo Natale " 

- Paolo Cestarollo " Il giaciglio "

- Silvia Algerino " Un giorno come un altro "

- Cristina M. Cavaliere " Notte di Natale ad Arras "

- Daniele Imperi - L'albero della città del vento "

- Elena Grespan " Il natale secondo mia madre "

- Leonardo Magnani " Candido come la speranza "

- Giuliana Leone " La ginestra "

- Tiziana Balestro " L'ultimo Natale "

- Giampy Calibano " Babbo, la paura e i superpoteri "

- Lucia Luisetto " Il primo regalo di Natale "

- Giuseppina Ricci " Profumo di pane "

- Velma J. Starling " La volpe di Borgo Faggio "

- Nadia Banaudi " Il guardiano della neve "

- Gloria Maria Magnolo " Babbo Natale sa di cioccolato "

- Sandra Buttafava " Zenzero "

- Rosa Oliveto " Il pranzo di Natale "

- Deborah Leonardi " 24 dicembre 2064 "

- Serena Bianca De Matteis " Natale a Sante Marie "

- Veleria Lipoma " Te lo dice il cuore " 

Ma oltre agli autori ci sono anche tante altre persone dietro a queste raccolte: due editor, una illustratrice, diversi lettori e varie figure professionali che hanno contribuito a rendere il libro ciò che è  - 

5. Chi è la persona che a dato via al progetto?

- A dare vita al progetto è stata la capo branco e curatrice di " L'amore non crolla - Storie di Natale " e delle due raccolte precedenti: la scrittrice Serena Bianca De Matteis - 

6. Mi piacerebbe sapere come sei venuta a conoscenza di questo progetto?

- Sono venuta a conoscenza del progetto per caso.
Sono incappata in un appello indirizzato a tutti gli scrittori d'Italia che iniziava così: " Buck e io ne abbiamo parlato a lungo. Lui diceva che non poteva restare indifferente a una cosa così triste accaduta in Centro Italia. Io ero assolutamente d'accordo." - 

7. Il tuo contributo in cosa consiste?

- Ho donato due racconti, uno per la prima e uno per la terza antologia.
Ho avuto l'onore di essere stata selezionata entrambe le volte.
E dico onore perché far parte del Branco e partecipare a questo progetto lo è davvero.
Non avete idea della positività e del clima che si respira nel gruppo.
Ogni euro in più nelle donazioni mensili è una vittoria e una gioia per ognuno di noi - 

8. Hai una speranza per il progetto? Se si, in che cosa consiste?

- Il Branco ha ancora tante idee e progetti, la mia speranza è che si possano realizzare tutti. 
E poi, mi piacerebbe riuscire a vedere i frutti di ciò che stiamo costruendo.
Una scuola o una palazzina del tutto costruite con i soldi ricavati dalla vendita dei libri sarebbe una bella soddisfazione - 

9. Esiste un modo per poter contribuire in modo attivo?

- Si, si può contribuire in tanti modi.
Innanzitutto comprando la raccolta " L'amore non crolla - Storie di Natale " e le due precedenti 
" Buck e il terremoto " e " Storie di gatti ".
Altrimenti acquistando i gadget che trovate sul sito:


Infine, potete dare una mano pubblicizzando il progetto - 

10. Ricordo che mi parlavi dei soldi destinati ai terremotati, come funziona?

- Ogni mese la curatrice consegna il ricavato delle vendite alla Croce Rossa     
 Italiana.
 Si possono tenere d'occhio le donazioni seguendo l'apposita sezione del sito.


Il sito ufficiale:



La pagina Facebook:



I gadget su WorthWearing:



I volumi su Amazon:


Raccolta fondi

L'intero ricavato sarà devoluto alla Croce Rossa Italiana per la ricostruzione di Amatrice e Accumoli
Già effettuate 13 donazioni con cadenza mensile per un totale di 2.501,00€
Vedi tutti i report con le donazioni 14.12.17 EFFETTUATA DONAZIONE RELATIVA AL MESE DI OTTOBRE. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico?

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico? Il titolo di per sé dovrebbe darvi un'idea dall'argomento che tratterò in questo articolo, ma perché la paura di parlare in pubblico da parte di uno scrittore? 
Come molti di voi sapranno non è proprio una cosa naturale per uno scrittore parlare in pubblico, perché tutto ciò che si ha da dire lo si comunica attraverso le parole scritte, ma allo stesso modo è inevitabile dover raccontare a volte ciò che si crea.

Quindi come si fa a superare questa paura? 

Non esistono formule magiche, e neppure esercizi di preparazione, ma penso di potervi rincuorare raccontandovi la mia recente esperienza.

Può essere semplice?  

Diciamo per così dire!

In questi giorni mi è capitato di parlare in pubblico, per un attimo ho temuto il peggio per la mia stessa sanità mentale e capisco che possa sembrare facile a parole, ma con i fatti è tutt'altra storia.

Parlo quindi a discapito di ciò che credevo e pensavo, finché non ho provato l'es…