Passa ai contenuti principali

26 guida: Rilettura della bozza di un romanzo


Come scrivere un romanzo e comunicare un messaggio:
Ventiseiesimo capitolo
- Rilettura della prima stesura - 


Il viaggio sembra ormai complicarsi, la fine non è mai facile da progettare, ma vorrei darvi un consiglio per aiutarvi a trovare la direzione giusta.

Non crederete a quello che sto per scrivervi, ma i vostri occhi vedono benissimo e il vostro cervello ha registrato correttamente le mie parole: smettete di scrivere, fermatevi, qualsiasi cosa stavate facendo e qualsiasi idea stavate applicando su carta.

Avete a vostra disposizione un centinaio di pagine e oltre, quindi, provate a rileggere quello che avete scritto fin'ora, cercate di trovare la musica nella parole, lasciate che sia il cuore a leggere, non prestate attenzione agli errori ortografici o grammaticali, ma semplicemente alla stesura del testo stesso.

Dovete percepire nei vostri scritti una passione e una logica che trascendono l'ordine della frase, provate a farlo, so che può sembrare un controsenso, ma vedrete che alla fine il risultato vi stupirà nella sua semplicità.

Questo passaggio è molto importante per il finale della vostra storia, perché rileggendo attentamente avrete la possibilità di cercare indizi sparsi che senza sapere avete collocato nei posti più strani e che potrebbero essere la chiave che stavate cercando per il vostro finale.

Rileggete ad alta voce, lasciate che siano le parole a prendere il sopravvento, non fatevi ingannare dall'illusione di una perfezione che in realtà non esiste, l'unica cosa che deve piacervi, è la semplicità delle parole.

Non dovete leggere con l'idea di essere un lettore esterno e che deve quindi giudicare, al contrario dovete leggere, ma con la mente esterna; quando si scrive in terza persona, con l'occhio puntato alle spalle del protagonista, per entrare entrare nello specifico, vi consiglio di immaginarvi come le aquile in volo che tutto vedono e tutto sentono, in modo che niente resti nascosto e che niente rimanga incompiuto.

Siete voi i padroni del vostro mondo, niente vi potrà fermare, credere è la volontà di farcela e le parole sono la forza dell'anima.

Se avete qualche domanda al riguardo, sono disposta ad ascoltare.

PS: Scegliete un luogo appartato dove nessuno possa disturbarvi nella rilettura della prima stesura. 

Esercizio:

Quante volte rileggete la vostra storia?

Lo fate a questo punto, oppure molto prima?

A che scopo rileggete?

Vi serve per trovare ulteriori idee?

A presto, come sempre la vostra Sharon.

Commenti

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…