Passa ai contenuti principali

25 guida: Scrittura di un romanzo e le relative informazioni


Come scrivere un romanzo e comunicare un messaggio:
Venticinquesimo capitolo
- L'importanza di cercare informazioni prima di scrivere -



Ciao a tutti, quest'oggi entriamo definitivamente nel terzo e ultimo mese di questo viaggio, la fine è vicina, ma non compiuta, manca però poco e quindi volevo affrontare l'argomento dell'importanza dell'informazione prima di scrivere.

Probabilmente questo potrà sembrare un consiglio scontato, ma neanche più di tanto, partiamo dal presupposto che se la vostra ambientazione è basata su un luogo reale e che poi avete modificato a vostro piacimento, credo sia d'obbligo informarsi prima di mettersi a scrivere cose non vere.

Tenete sempre a mente che sono i dettagli a fare la differenza e se quindi aggiungete una descrizione esistente, salterà subito all'occhio del lettore e gli consentirà di memorizzare più facilmente una determinata scena, soprattutto se si tratta di uno svolgimento centrale della storia.

La stessa cosa vale anche per i nomi che avete dato ai vostri protagonisti, come vi avevo già accennato sarebbe consigliabile tenere presente la città in cui sorgerà il vostro romanzo e quindi i nomi dovrebbero avere delle origini in tal luogo.

Provate a pensare se alla fine la chiave del mistero sia proprio nel nome antico della protagonista? 

A volte le idee migliori arrivano quasi per caso, ma questi piccoli accorgimenti possono sicuramente migliorare nettamente il nostro lavoro.

Ogni dettaglio potrebbe fare la differenza, quindi cercate sempre informazioni su qualunque cosa vogliate scrivere, potrebbe farvi sorgere domande e dubbi e avviare di conseguenza una più accurata ricerca che poi potrebbe essere il punto fermo della vostra narrazione.

Per oggi non voglio appesantirvi di lavoro, per questo ho scelto questo semplice argomento, anche perché dovete andare avanti nella stesura e non dimenticatevi di scrivere almeno un paio di pagine al giorno, non desistete dall'impresa, ormai abbiamo quasi finito, abbiate pazienza e costanza.

La pazienza è la virtù dei forti d'animo. 

Se avete delle domande in merito a qualche vostra idea, sarei ben lieta di condividere le informazioni.

A che punto siete con il vostro romanzo?

Esercizio:

Quanta importanza date all'informazione che si cela dietro alla vostra storia?

Prendete spunto da fatti realmente esistiti per le vostre idee?

Amalgamate il reale con la fantasia, se si, perché?

Se no, perché?

A presto, come sempre la vostra Sharon.

Commenti

  1. Sono Gerald
    Essendo appassionato di fantasy e anche di romanzi storici, nei miei scritti cerco sempre di inserire qualcosa che ha a che fare con la storia. Ne Il Sentiero della Tenebra, per esempio (il seguito della mia prima storia su Wattpad) ho mescolato realtà storica e fantasia, descrivendo la battaglia di Teutoburgo, combattuta nel 9 d.C. e inserendo vi la partecipazione di alcuni personaggi che ho reso protagonisti dello scontro. L'ho fatto senza alterare i fatti storici ma provando a spiegare perché la battaglia ebbe l'esito che ha avuto e spiegando come le cause e le conseguenze siano state dettate proprio da questi personaggi. Naturalmente mi hanno aiutato gli studi storici e la passione per la storia dell'antica Roma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gerald; grazie del commento!
      Anch'io di solito sono meticolosa per quanto riguarda la documentazione reale della storia presente nei miei romanzi e cerco sempre di mischiare fantasia a fatti realmente accaduti.
      Magari inventando teorie e spiegazioni su come un determinato momento storico sia successo o come prevenuto, o addirittura il motivo che ne ha scatenato la rivolta.
      Insomma credo che le informazione stiano alla base di una storia che regga effettivamente la fabula e l'intreccio stesso.
      Noi due abbiamo pensieri molto affini e quindi è bello potersi confrontare.
      A presto.
      Sharon

      Elimina

Posta un commento

Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi rimanere aggiornato sulla conversazione via e-mail ti consiglio di mettere la spunta su "inviami notifiche".
Il tuo parere conta, ma non dimenticarti di esprimerlo!

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico?

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico? Il titolo di per sé dovrebbe darvi un'idea dall'argomento che tratterò in questo articolo, ma perché la paura di parlare in pubblico da parte di uno scrittore? 
Come molti di voi sapranno non è proprio una cosa naturale per uno scrittore parlare in pubblico, perché tutto ciò che si ha da dire lo si comunica attraverso le parole scritte, ma allo stesso modo è inevitabile dover raccontare a volte ciò che si crea.

Quindi come si fa a superare questa paura? 

Non esistono formule magiche, e neppure esercizi di preparazione, ma penso di potervi rincuorare raccontandovi la mia recente esperienza.

Può essere semplice?  

Diciamo per così dire!

In questi giorni mi è capitato di parlare in pubblico, per un attimo ho temuto il peggio per la mia stessa sanità mentale e capisco che possa sembrare facile a parole, ma con i fatti è tutt'altra storia.

Parlo quindi a discapito di ciò che credevo e pensavo, finché non ho provato l'es…