Passa ai contenuti principali

La storia di Babbo Natale


La storia di Babbo Natale


Buon Natale a tutti cari lettori da - My blog scrittrice - 


Vi auguro delle splendide feste ornate di sorrisi e gioia, per rimanere appunto in tema con la festività ho pensato di fare una ricerca sulla storia di Babbo Natale e pertanto la condivido con voi, buona lettura.
Per questo giorno sospendo la guida in onore del Natale, riprenderà in settimana appena saremo tutti più tranquilli e fuori dalla portata della tavola.



" Tutte le versione del Babbo Natale moderno, chiamato Santa Claus nei paesi anglofoni, derivano principalmente dallo stesso personaggio storico: San Nicola, vescovo di Myra, di cui per esempio si racconta che ritrovò e riportò in vita cinque fanciulli, rapiti ed uccisi da un oste e che per questo era considerato il protettore dei bimbi.
Alcuni studiosi inoltre, credono che ad ispirare il mito di Babbo Natale sia la figura del dio Saturno.
Anticamente in concomitanza con il Solstizio d'Inverno, si svolgeva la festività dei Saturnali, una festa religiosa durante la quale era consuetudine scambiarsi dei doni e intrattenersi in grandi banchetti e feste per celebrare l'abbondanza ricevuta durante l'anno. 
Con l'avvento del Cristianesimo la figura del dio Saturno fu sostituita da quella di San Nicola. 



Nel folclore germanico prima della conversione al cristianesimo, si narrava le vicende di un sant'uomo alle prese con un demone o un oscuro uomo che uccideva nei sogni.

La leggenda narra di un mostro che terrorizzava il popolo insinuandosi nelle case attraverso la canna fumaria durante la notte, aggredendo e uccidendo i bambini in modo orribile.

Il sant'uomo si pone alla ricerca del demone e lo cattura imprigionandolo con dei ferri magici o benedetti.

Obbligato ad obbedire agli ordini del santo, il demone viene costretto a passare di casa in casa per fare ammenda portando dei doni ai bambini.

In alcuni casi la buona azione viene ripetuta ogni anno, in altri il demone rimane talmente disgustato da preferire il ritorno all'inferno.

Altre forme del racconto presentano il demone convertito agli ordini del santo, che raccoglie con se elfi e folletti, diventando quindi Babbo Natale. 

Il Babbo Natale di oggi riunisce le rappresentazioni premoderne del portatore di doni, di ispirazione religiosa o popolare, con un personaggi britannico preesistente. 

Quest'ultimo risale al XVII e ne sono rimaste due illustrazioni come signore barbuto e corpulento, vestito di un mantello verde lungo fino ai piedi e ornato di pelliccia.

Santa Claus ha origine da Sinterklaas, il nome olandese del personaggio derivato da san Nicola, che viene chiamato Sint Nicolaas, questo spiega anche l'esistenza di diverse varianti inglesi del nome. 


Secondo alcuni il vestito rosso di Babbo Natale sarebbe opera della Coca-Cola, originariamente infatti era vestito di verde, sarebbe divenuto rosso solo dopo che, negli anni '30, l'azienda utilizzò Babbo Natale per la sua pubbblicità natalizia e lo vestì di biabco e rosso, come la scritta della sua famosa bibita. 
Questa teoria però non è da ritenersi corretta, siccome storicamente la Coca-Cola non fu la prima ad usare la figura moderna di Babbo Natale nelle sue pubblicità, ma venne preceduta in questo dalla White Rock Beverages, per la vendita di acqua minerale nel 1915 e per la vendita di ginger ale nel 1923.


Ancor prima di queste due pubblicità, la figura di Babbo Natale apparve vestita di bianco e rosso in alcune copertine del periodo umoristico statunitense Puck, tra la fine del XIX e l'inizio del XX, nonché nelle illustrazioni di raccolte di canzoni natalizie. 

Possiamo inoltre trovare un Babbo Natale vestito di rosso in una cartolina russa dei primi del '900.  L'abitudine di scrivere una lettere a Babbo Natale è una tradizione natalizia che risale a tempo fa. "

- Ho riassunto i testi più interessanti che ho trovato in rete, fammi sapere cosa ne pensi con un bel commento come regalo sotto l'albero - 

La mia lettera l'ho scritta e tu? 

Conosci le leggende che ho citato?

BUON NATALE

Commenti

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico?

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico? Il titolo di per sé dovrebbe darvi un'idea dall'argomento che tratterò in questo articolo, ma perché la paura di parlare in pubblico da parte di uno scrittore? 
Come molti di voi sapranno non è proprio una cosa naturale per uno scrittore parlare in pubblico, perché tutto ciò che si ha da dire lo si comunica attraverso le parole scritte, ma allo stesso modo è inevitabile dover raccontare a volte ciò che si crea.

Quindi come si fa a superare questa paura? 

Non esistono formule magiche, e neppure esercizi di preparazione, ma penso di potervi rincuorare raccontandovi la mia recente esperienza.

Può essere semplice?  

Diciamo per così dire!

In questi giorni mi è capitato di parlare in pubblico, per un attimo ho temuto il peggio per la mia stessa sanità mentale e capisco che possa sembrare facile a parole, ma con i fatti è tutt'altra storia.

Parlo quindi a discapito di ciò che credevo e pensavo, finché non ho provato l'es…