Passa ai contenuti principali

31 guida: Non aver timore nel far leggere il proprio romanzo


Come scrivere un romanzo e comunicare un messaggio: 
Trentunesimo capitolo
- Come non aver timore di farsi leggere - 


Ciao a tutti, siamo di nuovo insieme, ancora per poco e vorrei sapere innanzitutto quante pagine avete pronte del vostro romanzo per capire se questo viaggio vi sia servito effettivamente a realizzare un'opera in modo concreto.

In teoria se avete seguito il mio consiglio dovreste avere un centotrenta/centocinquanta pagine pronte, con questo non voglio di certo premiare o demoralizzare nessuno, ma questi dati servono per capire quanto lavoro avete fatto e vorrei quindi sapere se siete soddisfatti del risultato ottenuto. 

Abbiamo ancora cinque/sei lezioni da portare a termine, non perdete la concentrazione e pertanto vorrei aiutarvi a prendere in considerazione l'idea di essere letti.

Più avanti, lo spiegherò in un post, dovrete fare leggere il vostro romanzo per avere un'opinione altrui che non sia emotivamente coinvolta con la storia e quindi vorrei prepararvi a questo passaggio molto importante, soprattutto se avete deciso di tramutare questa passione in un lavoro a tempo pieno, di conseguenza dovrete abituarvi a chi leggerà il vostro romanzo.

Vorrei farvi capire che il lettore quando legge non pensa affatto all'autore che ha scritto il libro, ma si butta a capofitto nella storia e si immedesima coi personaggi, quindi non abbiate il timore che qualcuno possa collegare eventi o persone alla vostra reale vita, ovviamente a parte gli amici e i familiari che lo leggeranno, ma questo è un dato di fatto che va preso in considerazione.

Non rovinatevi un bel momento con simili pensieri, ma visto che so che succederà di sicuro perché anch'io ci sono passata, ho pensato di trattare quest'argomento e di parlarne insieme, sicuramente ognuno di voi ha diversi timori per diversi motivi e mi piacerebbe conoscerli.

Personalmente posso affermare che questa paura non scompare mai del tutto, ad esempio il timore di essere giudicata in malo modo in questa guida mi sta logorando il cervello anche adesso, ma col tempo si impara a conviverci, per noi scrittori, non c'è altro modo se non quello di adattarsi alla situazione e, per quanto riguarda parenti e amici che leggeranno il vostro romanzo, prendete con le pinze le loro parole.

Mia madre ha criticato da subito il mio secondo romanzo, l'incipit era troppo personale, ma solo lei poteva saperlo in quanto mi conosce a fondo, nessun altro leggendolo potrebbe mai fare un paragone, a meno che io non lo dica espressamente.

Quindi non preoccupatevi per quest'ultimi, impareranno a leggere pensando ad autori estranei e non a voi conoscenti, l'unico modo per leggere senza riserve è questo.

Mia madre ancora deve impararlo, ma il tempo non mi manca e la pazienza è la virtù dei forti d'animo.

Esercizio:

Avete mai provato a far leggere qualcosa di vostro ad estranei o parenti e amici?

Quali critiche avete ricevuto?

Quali complimenti invece?

A presto, come sempre la vostra Sharon.

Commenti

  1. Ciao Sharon! Grazie mille per i consigli che ci dai, sono davvero utili, mi piace molto pure il tuo blog...
    Tanti baci e abbracci...
    Ninmah...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ninmah, grazie per l'apprezzamento!
      Spero di sentirti presto.
      Un abbraccio.
      Sharon

      Elimina
  2. Confermo, la paura di cosa penseranno gli altri leggendo un tuo testo non va mai via del tutto. Faccio da beta reader e usufruisco di beta giornalmente e intanto da qualche parte della mia mente si fa sempre largo, anche per un solo istante, il pensiero: "oddio, speriamo non gli faccia schifo".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuliana, è bello sentirti!
      Sono d'accordo con te sul fatto che la paura del pensiero altrui, nel momento in cui legge il romanzo, non va mai via del tutto.
      Deve essere un sentimento inevitabile, però credo sia importante non lasciare che prenda il sopravvento.
      Sopratutto se la paura ci impedisce di migliorare e scoprire noi stessi.
      E ti è mai capitato che qualcuno ti dicesse che non gli piaceva il modo in cui lo stavi consigliando?
      Grazie dell'interessamento.
      A presto.
      Sharon.

      Elimina

Posta un commento

Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi rimanere aggiornato sulla conversazione via e-mail ti consiglio di mettere la spunta su "inviami notifiche".
Il tuo parere conta, ma non dimenticarti di esprimerlo!

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico?

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico? Il titolo di per sé dovrebbe darvi un'idea dall'argomento che tratterò in questo articolo, ma perché la paura di parlare in pubblico da parte di uno scrittore? 
Come molti di voi sapranno non è proprio una cosa naturale per uno scrittore parlare in pubblico, perché tutto ciò che si ha da dire lo si comunica attraverso le parole scritte, ma allo stesso modo è inevitabile dover raccontare a volte ciò che si crea.

Quindi come si fa a superare questa paura? 

Non esistono formule magiche, e neppure esercizi di preparazione, ma penso di potervi rincuorare raccontandovi la mia recente esperienza.

Può essere semplice?  

Diciamo per così dire!

In questi giorni mi è capitato di parlare in pubblico, per un attimo ho temuto il peggio per la mia stessa sanità mentale e capisco che possa sembrare facile a parole, ma con i fatti è tutt'altra storia.

Parlo quindi a discapito di ciò che credevo e pensavo, finché non ho provato l'es…