Passa ai contenuti principali

Maria Teresa Steri - Come un dio immortale -


Rubrica settimanale degli scrittori 


Il primo mercoledì dell'anno nuovo è arrivato e in concomitanza anche la prima scrittrice ospite della rubrica e cioè: Maria Teresa Steri. 
Vorrei solo premettere che consiglio vivamente questa lettura, poiché Maria Teresa è una persona che si distingue dalla massa per via della sua grande gentilezza e disponibilità.

Titolo: Come un dio immortale
Autore: Maria Teresa Steri
Data di pubblicazione: 7 novembre 2017
Genere: thriller soprannaturale
Pagine: 552.

Biografia autrice:

Maria Teresa Steri è nata nel 1969 e cresciuta a Gaeta. 
Dopo la laurea in Lettere e Filosofia si è trasferita a Roma, dove vive attualmente con il marito. Ha collaborato come giornalista pubblicista nella redazione di quotidiani e riviste per la scrittura di articoli, la revisione di testi e l’impaginazione.
Cura il blog Anima di carta (http://animadicarta.blogspot.it/) dedicato a chi ama scrivere e leggere. Si interessa di scrittura creativa e antroposofia. 
È un’appassionata di Alfred Hitchcock. I suoi autori di narrativa preferiti sono Ruth Rendell e Boileau-Narcejac.

Trama " Come un dio immortale ":

Aggredito in un parco cittadino, Flavio si risveglia nella baracca di una giovane senzatetto, Lyra. Dopo essersi presa cura di lui per tre giorni, la donna lo manda via in modo brusco.
Tornato a casa, per Flavio nulla è più come prima. 
Il rapporto con la fidanzata va a rotoli, mentre crescono la passione e l'ossessione per la misteriosa Lyra. 
Indagando, Flavio apprende che a sei anni è scomparsa da casa senza lasciare tracce. Il suo caso però non è l’unico in città. 
Negli ultimi vent’anni, altre sei persone sono sparite nel nulla, e tutte erano collegate a un noto scrittore dell’occulto.
Convinto che Lyra sia scappata da una setta, Flavio è deciso a liberarla dal suo oscuro passato. Ma quando scopre che dietro la sua storia si cela una verità del tutto diversa, comincia a capire di essere anche lui una pedina di un gioco più grande, iniziato cinquant’anni prima. 
Un gioco che si fa sempre più pericoloso e che lo costringerà a mettere in dubbio tutto ciò che sa della sua vita e della realtà che lo circonda.

Ebook o cartaceo in vendita su: 

Prezzo ebook:  2,99 €
Prezzo cartaceo: 15,00 €
Gratis con Kindle Unlimited

Estratto del romanzo
Si possono scaricare i primi capitoli in formato pdf da qui:

Pagina dedicata al libro sul blog dell'autrice: 

Fine presentazione 

Come ho detto sopra, vi consiglio questa lettura per la bravura dell'autrice e soprattutto per l'intrigante trama che ci ha proposto, credo che il romanzo abbia davvero molto da comunicare e spero di riuscire a leggerlo al più presto, ma se qualcuno di voi dovesse avere delle recensioni, sono tutt'orecchi.

Commenti

  1. Risposte
    1. Ciao Alessandra, si te lo consiglio vivamente.
      Questa autrice é in gamba e ha molto da comunicare 😊

      Elimina
  2. La presentazione è così intrigante che mi è venuta voglia di leggere il romanzo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria, se hai voglia di leggere un romanzo intrigante, allora questo é quello che fa per te 😊

      Elimina
  3. Sono Gerald. Leggo che Maria Teresa è appassionata di antroposofia. Anni fa ebbi modo di avvicinarmi agli scritti di Rudolf Steiner e li trovai affascinanti, un grande intellettuale che la cultura occidentale ha sempre faticato a comprendere pienamente. Per quanto riguarda il resto, mi fa piacere vedere che Maria Teresa è riuscita a pubblicare il suo romanzo e mi fa sperare che prima o poi posso riuscirci anche io.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gerald, questa autrice ha veramente molto da comunicare e si, mai perdere la speranza 😊

      Elimina
  4. Ciao a tutti, vorrei ringraziare prima di tutto Sharon per la sua squisita ospitalità e per le sue belle parole. Grazie anche voi che vi siete soffermati a leggere e commentare.
    Come accennavo ieri sul gruppo, in questo romanzo si trova moltissimo delle idee di Rudolf Steiner, anche se ovviamente con un taglio narrativo. Penso poi che sia vero quello che dice Gerald a proposito della scarsa comprensione che si ha di questo autore, forse è poco conosciuto anche qui in Italia, ed è un vero peccato perché i suoi testi e le tantissime conferenze che ha tenuto sono vere perle per chi non crede che la realtà sia tutta qui nella materia.
    Approfitto ancora un attimo della disponibilità di Sharon per farvi sapere che gli ebook di entrambi i miei romanzi il 6 e il 7 gennaio saranno in sconto a 0,99 euro, per chi volesse approfittarne.
    Ancora grazie per l'attenzione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria Teresa;
      Grazie a te per la partecipazione, è stato un onore ospitarti, poiché sei davvero in gamba e una persona davvero gentile!
      Tra l'altro ti devo anche ringraziare per avermi fatto scoprire questo scrittore, le cui teorie mi sembrano molto, ma molto interessanti.
      Leggerò sicuramente il libro che mi ha consigliato Gerald.
      Fatto bene a farlo presente, per chi fosse interessato può approfittarne.
      Grazie a te, a presto, un abbraccio.

      Elimina
    2. Se dovessi leggere qualcosa, allora poi fammi sapere. Da parte mia ti suggerisco "L'iniziazione - Come si conseguono conoscenze dei mondi superiori?", che è un testo molto bello e abbordabile anche da chi è a digiuno di queste cose.

      Elimina
    3. Certo, ti farò sapere sicuramente, allora provo anche a leggere il testo che mi hai consigliato, visto che forse è più adatto a chi si pone per la prima volta in quest'ambito.
      Grazie mille!

      Elimina

Posta un commento

Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi rimanere aggiornato sulla conversazione via e-mail ti consiglio di mettere la spunta su "inviami notifiche".
Il tuo parere conta, ma non dimenticarti di esprimerlo!

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico?

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico? Il titolo di per sé dovrebbe darvi un'idea dall'argomento che tratterò in questo articolo, ma perché la paura di parlare in pubblico da parte di uno scrittore? 
Come molti di voi sapranno non è proprio una cosa naturale per uno scrittore parlare in pubblico, perché tutto ciò che si ha da dire lo si comunica attraverso le parole scritte, ma allo stesso modo è inevitabile dover raccontare a volte ciò che si crea.

Quindi come si fa a superare questa paura? 

Non esistono formule magiche, e neppure esercizi di preparazione, ma penso di potervi rincuorare raccontandovi la mia recente esperienza.

Può essere semplice?  

Diciamo per così dire!

In questi giorni mi è capitato di parlare in pubblico, per un attimo ho temuto il peggio per la mia stessa sanità mentale e capisco che possa sembrare facile a parole, ma con i fatti è tutt'altra storia.

Parlo quindi a discapito di ciò che credevo e pensavo, finché non ho provato l'es…