Passa ai contenuti principali

30 guida: Paura di scrivere il finale di un romanzo


Come scrivere un romanzo e comunicare un messaggio:
Trentesimo capitolo
- Paura di concludere una storia -


Direi che ormai la scalata è quasi finita, anche se scivolosa ce l'abbiamo fatta e manca poco per godere il panorama una volta in cima.

Continuate a scrivere, mi raccomando, non mollate adesso che la fine è all'orizzonte e visto che la volta precedente abbiamo trattato un lavoro complicato, che poi è stato messo in pratica, almeno spero, ho pensato per oggi di limitarmi a dirvi quello che tratterò dalla prossima lezione fino all'ultima; farvi una specie di introduzione all'avvenire.

Semplicemente mi piace alternare giornate di lavoro sodo e giornate più riflessive, servono entrambe, come abbiamo notato in questa avventura, per migliorarsi e per apprendere in maniera costruttiva ed equilibrata.

Non si può pensare di scrivere solo con le parole e non si può pensare di riflettere sullo scrivere, entrambi i metodi servono in eguale misura.

A ogni modo, non so se avete fatto caso a come ho iniziato questo post, in teoria ho rimandato l'argomento principale dilungandomi in pensieri, anche se coerenti, ormai già espressi ed è normale chiedersi: perché?

Niente di quello che scrivo è buttato a caso, tutto ha una sua logica e ho voluto che il mio incipit fosse un esempio di come arrivati a scrivere il finale del vostro romanzo, possiate, senza volere, rimandare la conclusione per paura di finire.

Mi spiego meglio, questo purtroppo è un errore comune a tutti gli scrittori alle prime armi, personalmente è l'unico che non ho mai fatto, forse per un fortunato caso, o forse per intervento del destino, fatto sta che non c'è niente di male ad avere paura di scrivere il finale, ma non potrete mai sapere cosa si prova se non lo fate.

Non abbiate paura di un sentimento che ancora non conoscete, esplorate questa esperienza con il cuore e con gli occhi di chi a pianto lacrime salate per ciò che ha messo in scena. 

Posso solo confermarvi che finire non mette il punto alla storia, ma lascia un'impronta indelebile nella vostra anima. La prima opera è paragonabile solo alla più bella esperienza della vita: 

Fare l'amore per la prima volta.

Non potrà essere dimenticata e non andrà ritirata in una cassetto polveroso, lasciate che prenda il volo, datele la spinta per sorvolare le nuvole e viaggiare libera.

Spero che questo mio piccolo esempio sia stato di aiuto e che vi abbia fatto capire in modo semplice e concreto quello che avrei potuto semplicemente spiegarvi parola per parola in questo post, ma non mi piace seguire le regole, bisogna trascendere l'impossibile per capire i nostri limiti e per diventare liberi dalla restrizione della nostra stessa mente.

Esercizio:

Cosa ne pensate di questo esempio? 

Siete d'accordo con me?

Vi è mai capitato, arrivati alla fine, di non riuscire a scrivere l'ultima frase?

A presto, come sempre la vostra Sharon.

Commenti

  1. Finire lascia un vuoto enorme, mettere un punto è difficile ed anche le ultime parole di una storia lo sono, ne ho messe solo due fino ad ora, ma, non so perché ma una volta deciso di mettere fine le parole sono uscite in tranquillità, ho aperto il cuore ho lasciato che la storia mi trasportasse ed ho messo quel temuto punto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lara, grazie dell'intervento!
      Anch'io fino ad ora ho finite due storie e come dici tu, bisogna farlo con tranquillità e spensieratezza.
      Il vuoto che mi hanno lasciato è incolmabile, ma era giunta la loro ora e quindi ho lasciato andare entrambe le storie.
      Altrimenti si rischia di protrarre un lavoro in maniera pesante e disordinata e senza alcun senso logico nella storia stessa.
      Ti aspetto alla prossima.
      Sharon

      Elimina

Posta un commento

Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi rimanere aggiornato sulla conversazione via e-mail ti consiglio di mettere la spunta su "inviami notifiche".
Il tuo parere conta, ma non dimenticarti di esprimerlo!

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico?

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico? Il titolo di per sé dovrebbe darvi un'idea dall'argomento che tratterò in questo articolo, ma perché la paura di parlare in pubblico da parte di uno scrittore? 
Come molti di voi sapranno non è proprio una cosa naturale per uno scrittore parlare in pubblico, perché tutto ciò che si ha da dire lo si comunica attraverso le parole scritte, ma allo stesso modo è inevitabile dover raccontare a volte ciò che si crea.

Quindi come si fa a superare questa paura? 

Non esistono formule magiche, e neppure esercizi di preparazione, ma penso di potervi rincuorare raccontandovi la mia recente esperienza.

Può essere semplice?  

Diciamo per così dire!

In questi giorni mi è capitato di parlare in pubblico, per un attimo ho temuto il peggio per la mia stessa sanità mentale e capisco che possa sembrare facile a parole, ma con i fatti è tutt'altra storia.

Parlo quindi a discapito di ciò che credevo e pensavo, finché non ho provato l'es…