Passa ai contenuti principali

Fiorella Di Mauro - Il destino in una lacrima -


Rubrica settimanale degli scrittori

Buon mercoledì cari lettori, la rubrica continua spedita a presentarvi autori e le loro opere.

Quest'oggi ospito Fiorella Di Mauro con il suo romanzo " Il destino in una lacrima ".

Biografia di Fiorella:

MI presento a voi tutti. 
Sono Fiorella Di Mauro ho 32 anni e sono una scrittrice. 
Dovete sapere che sono diplomata in Grafica Pubblicitaria e, al tempo delle superiori, il mio sogno era diventare una fumettista. 

Stessa passione aveva una mia amica con la quale pensai di creare un fumetto. Elaborata la trama iniziai col descrivere le varie scene, i personaggi, le battute... il romanzo. Ebbene sì, alla fine capii che avevo l'esigenza di scrivere un romanzo e non più il fumetto. 

Quindi accantonai il fumetto e creai "Il destino in una lacrima". 

Al momento sto apportando delle revisioni al mio ultimo romanzo “I falsi Dei”, di genere fantasy spirituale, e, nel frattempo, mi dedico alla scrittura di racconti brevi (La cantilena dei pazzi, Banshee, la diversità dell’anima, vivere la morte) partecipando a vari contest su facebook e concorsi letterari indetti da associazioni culturali.

Trama " Il destino in una lacrima " :

Il destino in una lacrima è un fantasy ambientato all’inizio dell’800 in Europa. 
La storia ha inizio in un villaggio della Scozia dove gli abitanti vengono a conoscenza della profezia. 
Secondo la profezia, la fine del mondo avverrebbe per mano di un demone… il figlio del male. 

Padre Leonard è il primo protagonista a entrare in scena. 
Il suo unico obiettivo nella vita è trovare e uccidere il demone della profezia. 
E per riuscire in questa impresa chiede aiuto alla strega Dalia Lorenzetti. 

Entrambi i protagonisti sono vittime di un passato tormentoso, ma affrontano la vita in modo diverso l’uno dall’altro. 
Leonard rinnega il suo passato tanto da farne un segreto. 

Dalia fugge da quel passato ma lo racconta, fin da subito, al lettore. 
Figlia di due stregoni uccisi dalla gente del suo villaggio, Dalia diviene la protetta del mago e alchimista Criswel. 

Per spronarla a studiare la magia, il maestro le rivela l’esistenza della sacra lacrima di Cristo. 
Una pietra col potere di resuscitare i morti e capace inoltre di donare l’anima a un demone e toglierla a un umano. 

Dalia scoprirà di non essere l’unica ad ambire la lacrima. 

Durante la ricerca del figlio del male, il sacerdote e la strega, incontrano il conte August De Sande. 
Dalia sospetta subito del nobile e lo accusa di essere il famigerato demone Dracula il braccio destro di Satana. 

Dalia, per volere divino, fa la conoscenza di Antinea FLobert. 

Una sacerdotessa potente ammirata da tutti compreso il compagno di avventura Leonard. Tra le due nasce subito la rivalità. Entrambe difatti ambiscono, non solo al potere, ma anche al cuore del sacerdote. 

Nel corso della storia, Dalia vede morire, davanti ai suoi occhi, il maestro Criswel, a opera di demoni. Prima di morire riesce a fare due nomi. Katrine Vernek, la moglie di August de Sande, e padre Aldo Weisez, fratello della madre di Dalia. 

A questo punto della storia Dalia si separa dal prete e prosegue il viaggio in compagnia del suo amico di infanzia il mago Donal Eghelman, non prima, però, di scoprire il segreto di Leonard a tutti celato. 
Leonard continua la ricerca del suo demone, seguito dalla sempre presente Antinea, e giunge in Sicilia. 

Deciso a incontrare Dracula si spinge fino alla sua base segreta dove fa la conoscenza del marchese Michele Bersani. 

Il marchese rivela che Dracula non ha alcun figlio e, come loro, sta cercando il figlio del suo eterno nemico De Sande. 

Sempre Bersani spiega che la vera dimora di Dracula risiede in Transilvania. 

Dalia e Donal, nel frattempo, riescono a parlare con padre Aldo ed è proprio grazie a lui se Dalia fa una scoperta sconvolgente. 

Una verità che unisce in un unico destino lei e il figlio del male. 

Un destino tracciato dalla lacrima di Cristo.

Sì, perché è proprio la lacrima di Cristo l’obiettivo finale, poiché il destino del mondo è in una lacrima.      

Fine presentazione!

Che dire di questa presentazione?! 

Forse il mio parere in merito non è obbiettivo, chi mi segue sa che sono affascinata dalla leggenda di Dracula, motivo per cui ho scritto il mio primo romanzo, quindi non potevo non farvi conoscere questa storia e comunque la trama parla da se: intrigante e misteriosa. 

Consiglio vivamente questa lettura a tutti gli amanti del genere Fantasy.

Se qualcuno di voi ha già letto questo romanzo?

Apprezzerei una breve recensione e comunque fateci sapere cosa ne pensate in ogni caso. 

Il vostro parere conta.

Sharon Vescio

Commenti

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico?

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico? Il titolo di per sé dovrebbe darvi un'idea dall'argomento che tratterò in questo articolo, ma perché la paura di parlare in pubblico da parte di uno scrittore? 
Come molti di voi sapranno non è proprio una cosa naturale per uno scrittore parlare in pubblico, perché tutto ciò che si ha da dire lo si comunica attraverso le parole scritte, ma allo stesso modo è inevitabile dover raccontare a volte ciò che si crea.

Quindi come si fa a superare questa paura? 

Non esistono formule magiche, e neppure esercizi di preparazione, ma penso di potervi rincuorare raccontandovi la mia recente esperienza.

Può essere semplice?  

Diciamo per così dire!

In questi giorni mi è capitato di parlare in pubblico, per un attimo ho temuto il peggio per la mia stessa sanità mentale e capisco che possa sembrare facile a parole, ma con i fatti è tutt'altra storia.

Parlo quindi a discapito di ciò che credevo e pensavo, finché non ho provato l'es…