Passa ai contenuti principali

Esercizio di scrittura creativa: Gestualità quotidiana

Esercizio di scrittura creativa: Gestualità quotidiana

Osservare le persone e scrivere i loro gesti di abitudine è un esercizio molto utile per la descrizione dei personaggi in una storia, si impara a guardare oltre le parole e a immedesimarsi nella situazione con dettagli che solitamente sfuggono all'attenzione della mente. 

Anche in questo caso ho appreso l'esercizio sul portale "Il mio libro" da un corso indetto della scuola Holden.

Vi inserisco il link del primo esercizio: parole comuni scritte in modo non ordinario. 

Pronti, partenza e via:


- La ragazza parla, ride e si poi porta la mano alla bocca a nasconderlo.

- La ragazza parla e gesticola animatamente per enfatizzare una frase, poi butta all'infuori la mano e allarga le dita come a confermare  le sue parole.

- La ragazza beve seduta ad un tavolo, si gira di traverso ed appoggia il gomito allo schienale della sedia continuando a sorseggiare il suo caffè.

- L'uomo ascolta la donna con attenzione accarezzandosi il collo con due dita come a contemplare la sua pelle.

- Il ragazzo annoiato giocherella con un pezzo di carta, lo stropiccia e lo accartoccia come se vi vedesse il suo peggior nemico.

- Il signore ascolta a mani congiunte e con i gomiti appoggiati alle ginocchia mentre siede sul gradino dell'uscio della porta.

- La signora parla con noncuranza del rispetto, accavallando le dite su se stesse e muovendo a scatti il gomito come a voler scacciare una mosca immaginaria.

- Il signore porta la mano alla bocca con il pollice sotto al mento sembra immerso nei suoi pensieri.

- La signora spiega al suo vicino di dover scrivere un elenco, così con una mano aperta usa l'altra con indice e pollice  per tracciare delle linee invisibile, mimando l'atto di segnare sul suo palmo aperto.


Forza adesso tocca a voi, provate a scrivere qualcosa nei commenti, sono curiosa di vedere dove trovate l'ispirazione, ad esempio io faccio la barista, quindi il mio lavoro mi ha permesso di prendere due piccioni con una fava e così ho potuto osservare senza essere vista, o presa per pazza. 


Commenti

  1. L'anziana signora aveva la solitudine negli occhi e nel sorriso che le attraversava il volto, aveva anche la paura nelle mani che teneva unite tra di loro passando il pollice sul palmo dell'altra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Samantha! 😊
      Brava, mi piace questa frase! 😊😊😊

      Elimina

Posta un commento

Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi rimanere aggiornato sulla conversazione via e-mail ti consiglio di mettere la spunta su "inviami notifiche".
Il tuo parere conta, ma non dimenticarti di esprimerlo!

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico?

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico? Il titolo di per sé dovrebbe darvi un'idea dall'argomento che tratterò in questo articolo, ma perché la paura di parlare in pubblico da parte di uno scrittore? 
Come molti di voi sapranno non è proprio una cosa naturale per uno scrittore parlare in pubblico, perché tutto ciò che si ha da dire lo si comunica attraverso le parole scritte, ma allo stesso modo è inevitabile dover raccontare a volte ciò che si crea.

Quindi come si fa a superare questa paura? 

Non esistono formule magiche, e neppure esercizi di preparazione, ma penso di potervi rincuorare raccontandovi la mia recente esperienza.

Può essere semplice?  

Diciamo per così dire!

In questi giorni mi è capitato di parlare in pubblico, per un attimo ho temuto il peggio per la mia stessa sanità mentale e capisco che possa sembrare facile a parole, ma con i fatti è tutt'altra storia.

Parlo quindi a discapito di ciò che credevo e pensavo, finché non ho provato l'es…