Passa ai contenuti principali

Intervista a Virginia Leone - Illustratrice -

Intervista a Virginia Leone 

- Illustratrice -

Prima di cominciare vorrei farvi sapere che Virginia ha creato l'immagine di copertina per la seconda edizione della guida, un lavoro di grafica che mi ha entusiasmata e resa molto felice. 

Si, avete capito bene, a breve verrà pubblicata la seconda edizione con una nuova copertina e una sistemata al testo. 

Detto questo vorrei presentarvi Virginia, che è un'illustratrice, ma in questo caso si è trasformata in grafica su mia richiesta. 

Vi lascio il link della sua pagina professionale appena creata --- > Virginia Leone. 

Ciao Virginia e grazie per esserti apprestata a rispondere a qualche domanda e tieni conto che sono un tantino ignorante in materia, ma curiosa di conoscere il tuo lavoro in modo approfondito. 

1 – Hai sempre avuto la passione per il disegno? 

1-  Sì, sono cresciuta in una famiglia di artisti, quindi ho avuto modo di venire a contattato col mondo creativo molto presto e mi è venuto naturale appassionarmi al disegno.

2 – Quanto ha influito il fatto il avere creato la copertina del libro di tua sorella con la scelta di fare l'illustratrice? 

Dovete sapere che Giuliana Leone ha pubblicato il romanzo “Dall'altra parte” con la casa editrice Nulla Die di genere YA. 

2- Realizzavo già illustrazioni, ma non avevo ancora pensato alla possibilità di crearle per altri su richiesta, quindi credo che abbia influito abbastanza.

3 – Puoi spiegarmi gli attrezzi tecnici del tuo lavoro quali sono? 

3-  Solo il mio computer e la tavoletta grafica che mi permette di disegnarvi sopra come fosse un foglio, trasferendo il mio tracciato in tempo reale nel mio spazio di lavoro digitale.

4 – E come funzionano? 

4-  Il processo avviene dall'inizio alla fine in digitale senza passare dalla carta, realizzo un bozzetto su photoshop tracciando le linee di contorno e a volte delle ombre di riferimento, successivamente creo uno o più livelli su cui coloro.

5 – Quanto tempo ci vuole per realizzare una copertina? 

5-  Dipende dalla sua complessità da qualche ora a giorni.

6 – Di solito prendi spunto dalle idee dell'autore, o sei libera di scegliere? 

6 -  Dipende se l’autore ha già in mente qualcosa, se si tratta di un suo personaggio mi baso sulla descrizione scritta nel libro. 

7 – Quanto costa mediamente una copertina realizzata a mano? 

7-  Dipende se si vuole un disegno realizzato a colori o in bianco e nero, e dal tempo di lavoro che richiede.

8 – Tu non usi foto, giusto? E se le usi, cambia molto dal tuo stile? 

8- Dipende, a volte l’autore mi mostra delle foto di come si immagina il suo personaggio da cui prendere riferimento. Atteggiamenti e vibes che vogliono che il personaggio trasmetta.

9 – Ti piacerebbe lavorare in modo professionale in questo ambito? 

9 -  É quello a cui sto puntando in questo momento, amo disegnare e mi piacerebbe farlo per tutta la vita traendone un reddito. Ma non mi fermerei solo all’illustrazione per i libri di copertine e personaggi, mi piacerebbe spaziare dall’arte digitale fine a se stessa all’illustrazione di moda.

10 – Per concludere, hai sempre desiderato disegnare copertine per i libri? 

10- Ho sempre desiderato disegnare, solo recentemente mi sono resa conto di essere in grado di farlo per creare copertine di libri.

Virginia ti saluto e ti ringrazio per il tempo che hai dedicato a questa intervista e per aver creato la copertina del mio libro, che posso dire senza ombra di dubbia sia stupenda e non vedo l'ora di vedere la guida stampata. 

Commenti

  1. Hai frequentato qualche scuola in particolare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Samantha! Sì, ho frequentato cinque anni di grafica pubblicitaria e tre di accademia di belle arti :)

      Elimina
  2. Ciao Sharon :) ciao Virginia :) devo dire che il mondo della grafica mi hanno sempre incuriosito, mi sono sempre chiesta come facessero a creare copertine di libri così belle :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia! :) Spero che le mie risposte siano state esaustive allora :)

      Elimina
    2. Ciao Giulia!
      Anch'io sono sempre stata affascinata da questa arte e ringrazio molto Virginia per avermi fatto scoprire questo mondo e spiegato come funziona! ^_^

      Elimina
    3. Sono state molto esaustive Virginia :) mi hanno aperto un mondo :)

      Elimina
  3. Ciao Virginia! Innanzitutto complimenti, si vede che ami profondamente quello che fai! Anche io non ne capisco molto del campo, infatti anche io mi sono affidata a una grafica per le copertine dei miei romanzi. Tu quindi non usi foto? Preferisci disegnare direttamente attraverso la tavoletta grafica? Hai un artista che per te è diventato un modello? Qual è il sogno che hai custodito nel cassetto riguardo questa tua passione? Bellissima intervista comunque!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Deborah! Grazie mille. Di solito chi non è del settore fa confusione fra grafici e illustratori, in realtà si tratta di due mestieri differenti. Il grafico realizza la copertina utilizzando foto libere da copyright, modificandole e inserendo i testi. L'illustratore invece realizza disegni personalizzati utilizzabili per copertine, personaggi ecc.. Sì preferisco disegnare attraverso la tavoletta grafica direttamente dalla preparazione del bozzetto. Ho molti artisti a cui mi ispiro, e da cui prendo riferimenti, sia contemporanei che passati, ad esempio giusto per citarne due:
      Aubrey Beardsley e Ignasi Monreal. Il mio sogno nel cassetto è quello di continuare a disegnare per tutta la vita, migliorare e riuscire a fare sempre esperienze nuove in questo campo.

      Elimina

Posta un commento

Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi rimanere aggiornato sulla conversazione via e-mail ti consiglio di mettere la spunta su "inviami notifiche".
Il tuo parere conta, ma non dimenticarti di esprimerlo!

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico?

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico? Il titolo di per sé dovrebbe darvi un'idea dall'argomento che tratterò in questo articolo, ma perché la paura di parlare in pubblico da parte di uno scrittore? 
Come molti di voi sapranno non è proprio una cosa naturale per uno scrittore parlare in pubblico, perché tutto ciò che si ha da dire lo si comunica attraverso le parole scritte, ma allo stesso modo è inevitabile dover raccontare a volte ciò che si crea.

Quindi come si fa a superare questa paura? 

Non esistono formule magiche, e neppure esercizi di preparazione, ma penso di potervi rincuorare raccontandovi la mia recente esperienza.

Può essere semplice?  

Diciamo per così dire!

In questi giorni mi è capitato di parlare in pubblico, per un attimo ho temuto il peggio per la mia stessa sanità mentale e capisco che possa sembrare facile a parole, ma con i fatti è tutt'altra storia.

Parlo quindi a discapito di ciò che credevo e pensavo, finché non ho provato l'es…