Passa ai contenuti principali

Recensione - Drop of blood - di Deborah P. Cumberbatch

Recensione 

- Drop of blood - 

Di Deborah P. Cumberbatch



Titolo: Drop of blood

Autrice: Deborah P. Cumberbatch

Editore: self publishing

Genere: Urban fantasy/paranormal romance

Formato: ebook/cartaceo

Prezzo: € 1.99 / €17,93

Data pubblicazione: 26 Giugno 2017

Protagonisti: Paige Karen Kent- Nathan Lucas Ross

Pagine: 886 (formato ebook)

Serie: Primo volume della trilogia

Disponibile su tutte le piattaforme



Nuova recensione di una collega con cui ho stretto un rapporto di amicizia molto bello, per questo ci tengo a farvi conoscere questo romanzo.


Biografia autrice
- Deborah P. Cumberbatch -



Sono Deborah P. Cumberbatch, pseudonimo di Deborah Luongo, ho ventuno anni e sono nata a Napoli. 

Studio psicologia alla Federico II, facoltà che ho scelto perché mi hanno sempre affascinato i meccanismi della mente umana, quei dinamismi che ci portano a prendere determinate decisioni piuttosto che altre, il mondo interiore di ognuno di noi, ma il mio sogno è quello di diventare una scrittrice (e di poter vivere della mia penna) da quando avevo otto anni: adoravo (e adoro) il “Signore degli Anelli” e stavo scrivendo le battute del film su un quaderno, quando mio padre mi disse “Perché non ne scrivi uno tuo?” e da lì è nata questa passione che non ho più lasciato, scrivendo il mio primo libro sugli zombie (che resterà più che nascosto in un cassetto ahahah).

La mia scrittrice preferita è Jennifer Armentrout e per me è diventata un modello a cui aspirare, ma in generale ho un amore incondizionato per qualunque buon libro: credo che non possa esistere una scrittrice che non sia prima di tutto una lettrice e sin da bambina i libri sono sempre stati un porto sicuro in mezzo al caos della vita. La lettura e la scrittura hanno sempre avuto il sapore di casa per me. 

Ho pubblicato il primo romanzo della mia trilogia urban fantasy/paranormal romance, Drop of blood, il 26 giugno 2017 e il 22 aprile 2018 ho pubblicato anche il secondo volume, Drop of blood-Wars of faith. Adesso sto scrivendo il terzo volume, ma ho già tantissimi altri progetti per il futuro.

Sono una ragazza da pigiama, copertina e un buon libro o una buona serie televisiva/film (senza contare la mia passione per i cartoni della Disney!), ma la scrittura è sempre stata per me terapeutica: poter vivere mille mondi, essere chiunque io volessi, evadere dalla realtà e gestire tutte le situazioni… Credo che non esista cura migliore.

La frase che mi rappresenta meglio? Sicuramente quella dell’uomo che è riuscito dal nulla a creare un mondo meraviglioso: Walt Disney. “Se puoi sognarlo, puoi farlo. Ricorda sempre che questa intera avventura è partita da un topolino”.

Trama
- Drop of blood -


Da quando la sua famiglia si è trasferita nel paesino più noioso e piovoso del mondo, Paige vuole solo lasciarsi la sua tragedia alle spalle e allontanarsi da sua madre e dal Destino che vuole imporle, per decidere il suo futuro da sola. 

Non permetterà a nessuno di rovinare i suoi piani, nemmeno i sogni che la terrorizzano ogni notte, che le mostrano strani segni e persone oscure e dilaniate, o il nuovo saccente, egoista e presuntuoso vicino, la quintessenza della perfezione, con il suo fascino pericoloso, che tenta di innervosirla in ogni possibile modo, come se fosse la sua missione di vita. 

Ma nemmeno Paige riesce a negare l’intensità con cui è attratta da lui, come se il loro futuro fosse inesorabilmente intrecciato. E forse è proprio così, perché la vita è fatta di scelte e, a volte, per capire chi siamo davvero, non dobbiamo far altro che accettarci. 

E vivere. Ed è proprio allora che tutto può accadere.

Mia recensione 


Questo romanzo di genere Fantasy Romance mi ha accompagnata per molti giorni, essendo un libro che si fa leggere in modo scorrevole e anche in questo caso, non so quanto riuscirò a essere oggettiva, poiché l'autrice è un'amica che stimo e con cui condivido questa bellissima passione.

La storia inizia piano piano, e ci trasporta nella vita della protagonista presentandoci i suoi gesti quotidiani e la sue abitudini.

In questo modo è impossibile non calarsi in modo diretto nella caratterizzazione della ragazza, che risulta essere molto dinamica e con delle idee molto chiare, nonché adatta all'ambientazione che la circonda. 

La sua descrizione fisica non lascia dubbi su come immaginarsela, visto che il suo volto lo troviamo anche sull'immagine di copertina. 

Si capisce sin da subito cosa cela il suo animo e quale sia il suo ruolo all'interno di questo mondo Fantasy. 

Il mistero che sembra aleggiare intorno a questa storia sin dall'inizio, prende una piega diversa e questo fa capire quanto l'autrice abbia lavorato sull'intreccio della stessa.

Mentre la fabula e la trama si snodano verso metà libro, all'inizio troviamo molte scene che lasciano spazio al Romance. 

Le descrizioni sono minuziose e precise, ogni gesto e ogni scena viene raccontata come una sorta di diario personale.

E l'uso del discorso diretto accelera la narrazione nei punti principali, mentre in alti, avrei lasciato spazio al monologo interiore della protagonista.

Ma niente che possa rovinare la lettura. 

Per quanto riguarda il messaggio che ho trovato in queste pagine, mi sembra davvero bello: l'autrice ha voluto comunicare che nella vita le scelte spettano solo a noi, che il destino anche se scritto, si può sempre cambiare e che l'amore, a volte è abbastanza forte da combattere contro il mondo intero.

Mi fermo per evitare di fare spoiler e spero vi sia piaciuta questa recensione.

- Voi cosa ne pensate di questo Fantasy? -

- La storia vi intriga? Anche se ho evitato di accennare a dei particolari molto interessanti, che capirete leggendo il prologo - 


Vi presento anche il secondo romanzo dell'autrice uscito da soli due mesi. 




Titolo: Drop of blood, Wars of faith

Autrice: Deborah P. Cumberbatch

Editore: self publishing

Genere: Urban fantasy/paranormal romance

Formato: ebook/cartaceo

Prezzo: € 2.99 / €15,60

Data pubblicazione: 24 Aprile 2018

Protagonisti: Paige Karen Kent- Nathan Lucas Ross

Pagine: 626 (formato ebook)

Serie: Secondo volume della trilogia

Disponibile su tutte le piattaforme



Trama
- Drop of blood, Wars of faith -


Sono trascorsi ormai cinque mesi da quando Hamok, il vampiro primordiale, è risorto, eppure sembra essere scomparso, come se stesse dormendo e aspettasse il momento per la sua prossima mossa.

Paige è preoccupata e l’avvertimento che Hamok le ha dato appena uscito dalla caverna le riecheggia costantemente nella testa: “Ti aspetterò”.

Nathan continua a starle vicino, ma nemmeno lui riesce a controllare gli straordinari poteri di Paige, che esplodono senza alcun controllo, nutrendosi delle sue emozioni e facendo emergere costantemente la Cacciatrice che è in lei.

Egli sa solo che sarà disposto a qualunque cosa per aiutarla.

Anche Paige ha una sola certezza: darebbe la sua vita per difendere le persone che ama, anche se questo volesse dire proteggerli da se stessa.

Una nuova minaccia infatti la perseguita: gli spettri.

Questi dicono di volerle mostrare il “vero”, perché ormai le verità sono troppe e tutti sembrano mentire e nascondere qualcosa che potrebbe essere essenziale.

L’intera storia che viene tramandata dalla Creazione potrebbe essere un'immensa bugia e i ruoli potrebbero capovolgersi.

La fine potrebbe significare un nuovo inizio.

Fine presentazione


Commenti

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico?

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico? Il titolo di per sé dovrebbe darvi un'idea dall'argomento che tratterò in questo articolo, ma perché la paura di parlare in pubblico da parte di uno scrittore? 
Come molti di voi sapranno non è proprio una cosa naturale per uno scrittore parlare in pubblico, perché tutto ciò che si ha da dire lo si comunica attraverso le parole scritte, ma allo stesso modo è inevitabile dover raccontare a volte ciò che si crea.

Quindi come si fa a superare questa paura? 

Non esistono formule magiche, e neppure esercizi di preparazione, ma penso di potervi rincuorare raccontandovi la mia recente esperienza.

Può essere semplice?  

Diciamo per così dire!

In questi giorni mi è capitato di parlare in pubblico, per un attimo ho temuto il peggio per la mia stessa sanità mentale e capisco che possa sembrare facile a parole, ma con i fatti è tutt'altra storia.

Parlo quindi a discapito di ciò che credevo e pensavo, finché non ho provato l'es…