Passa ai contenuti principali

7 guida: Creare il mondo immaginario in un romanzo


Come scrivere un romanzo e comunicare un messaggio: 
Settimo capitolo
- Come creare il mondo immaginario -

Poiché avete ben presente cosa significa comunicare un messaggio e avete già lavorato sulla fabula e l'intreccio, possiamo continuare l'impresa focalizzandoci sugli aspetti che caratterizzano un messaggio.

L'idea è chiara nella vostra mente, finalmente avete deciso cosa volete comunicare ed ora potete sedervi e osservare da vicino come iniziare a scrivere il vostro romanzo.

Dovete fare in modo che sia la storia a girare attorno all'idea che vi siete prefissati, di conseguenza anche i personaggi e l'ambientazione dovranno avere lo stesso schema e a tal proposito, usate le sequenze per dividere gli avvenimenti più importanti della vostra storia, così da non lasciarvi confondere dalle parole, perché dovete rimanere vigili e attenti e non perdervi in grandi descrizioni che a lungo andare risulterebbero solo noiose.

Ricordate che sono i piccoli dettagli a fare la differenza, e uno scrittore percepisce solitamente quello che una persona comune non può vedere.

Quindi tornando in argomento, create il mondo immaginario che volete usare per la vostra storia, lavorate per tutto il giorno su questo aspetto e concentratevi; rispolverate vecchie idee di viaggio che avreste voluto fare o che magari avete fatto e usate questi particolari per ambientare il romanzo, non dovrebbe essere difficile, in caso contrario, sono a disposizione di chiunque abbia bisogno di aiuto.

In precedenza avevo già tratto l'argomento di come creare il mondo immaginario e vi farò un piccolo riassunto per ogni evenienza.

Prendete un foglio bianco e una matita, iniziate a tracciare i contorni della mappa senza l'intenzione di sapere esattamente dove ogni singolo particolare debba andare posto al suo interno, disegnate con passione e vedrete che l'ispirazione giungerà da sè, ma non lasciatevi ingannare dal fatto di voler creare un capolavoro, altrimenti non raggiungerete mai l'obbiettivo che vi siete predisposti.

Nemmeno io sono capace a disegnare, almeno non abbastanza bene, mi limito a creare qualche semplice schizzo che mi aiuti a far muovere i personaggi all'interno dell'ambientazione.

Se siete alle prime armi e di conseguenza al vostro primo romanzo, vi consiglio di basarvi su un luogo magari che conoscete bene, vi semplificherà il lavoro; cambiate la struttura e rendetela vostra.

Non pensate che questo argomento non sia importante, anch'io lo credevo all'inizio del mio lavoro, e infatti continuavo a sbagliare le descrizioni, non mi ricordavo mai la collocazione di vari complessi presenti nella mia prima storia.

Bisogna sbagliare per poter imparare, non c'è niente di male e niente di meglio che possa farvi capire appieno il percorso che state intraprendendo, nessuno potrà aiutarvi più di quanto possiate farlo voi stessi mettendovi alla prova.

Ormai avrete capito che scrivere non è semplicemente buttare lettere a caso su un pezzo di carta, ma ci sono accorgimenti che andrebbero rispettati per rendere questa passione davvero credibile.

Avete difficoltà a seguire queste istruzioni?

Esercizio:

Come create di solito il vostro mondo immaginario?

Usate un'ambientazione realmente esistente? 

Oppure lo create completamente a vostro piacere?

A presto, come sempre la vostra Sharon.

Commenti

  1. Mi ha incuriosita molto come hai trattato l'idea di ambientazione, perché ci sono passata quando mi sono accorta che nella mia testa non c'era abbastanza spazio per ricordare tutto.
    Prima ci sono passata con il romanzo fantasy di un amico, mi aveva chiesto aiuto ed io non riuscivo a capirci nulla finche non ho messo giù appunto una mappa di tutto il territorio, di quelle che dicevi tu, carta penna e vena artistica 😂.
    Poi l ho fatto anche con il mio romanzo rosa/erotico, ho disegnato la mappa della città per non sbagliare strada :)
    concordo quindi a pieno con le tue parole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lara;
      Se devo essere onesta il fatto di creare una mappa è stato automatico, già nel mio primo romanzo.
      Non l'ho capito subito, ma quasi.
      Altrimenti non riuscivo a ricordarmi le varie descrizioni da utilizzare di volta in volta e ovviamente dovevano essere coerenti, quindi un gesto inconsapevole che poi mi ha portato tanti benefici.
      Sono davvero contenta tu abbia trovato interessante l'argomento.
      Ti aspetto alla prossima e grazie dell'intervento.
      Sharon

      Elimina

Posta un commento

Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi rimanere aggiornato sulla conversazione via e-mail ti consiglio di mettere la spunta su "inviami notifiche".
Il tuo parere conta, ma non dimenticarti di esprimerlo!

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico?

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico? Il titolo di per sé dovrebbe darvi un'idea dall'argomento che tratterò in questo articolo, ma perché la paura di parlare in pubblico da parte di uno scrittore? 
Come molti di voi sapranno non è proprio una cosa naturale per uno scrittore parlare in pubblico, perché tutto ciò che si ha da dire lo si comunica attraverso le parole scritte, ma allo stesso modo è inevitabile dover raccontare a volte ciò che si crea.

Quindi come si fa a superare questa paura? 

Non esistono formule magiche, e neppure esercizi di preparazione, ma penso di potervi rincuorare raccontandovi la mia recente esperienza.

Può essere semplice?  

Diciamo per così dire!

In questi giorni mi è capitato di parlare in pubblico, per un attimo ho temuto il peggio per la mia stessa sanità mentale e capisco che possa sembrare facile a parole, ma con i fatti è tutt'altra storia.

Parlo quindi a discapito di ciò che credevo e pensavo, finché non ho provato l'es…