Passa ai contenuti principali

1 guida: Messaggio da comunicare in un romanzo


Come scrivere un romanzo e comunicare un messaggio:
Primo capitolo
- Il significato del messaggio da comunicare in un romanzo -


Direi di dare inizio a questa avventura chiarendo da subito quale sia il vero significato di un messaggio in un romanzo.

Vorrei affrontare questo argomento dal punto di vista di chi scrive, perché a differenza di chi legge, il messaggio da comunicare è il motivo principale che ci spinge a migliorarci e a cercare una perfezione che ci scivola tra le dita.

Cerchiamo di tenere sempre a mente che scrivere è passione e pertanto rimane unica nella sua diversità e insostituibile nel tempo, ma ovviamente può variare da persona a persona in base a esperienze personali e a diversi fattori caratteriali.

Provate a sedervi in un posto silenzioso, un luogo dove possiate tirare fuori le idee dalla vostra mente e leggete con attenzione quello che sto per spiegarvi.

Un messaggio deve essere un'idea da comunicare e pertanto sarebbe consigliabile dargli un senso logico, altrimenti non riuscirete mai nella vostra impresa di far si che il lettore percepisca quello che voi volete.

Proviamo a fare degli esempi così che possiate capire nello specifico quello che intendo spiegarvi:

Se siete degli amanti della natura e volete comunicare questa idea, potete costruire una storia in un'ambientazione aperta e spaziosa, tipo un parco giochi, o un prato verde, una montagna, una spiaggia, insomma potete sbizzarrirvi come meglio credete.

Vi piace la musica? Perché non trasmettere questo messaggio attraverso una storia che racconta le vicende di una band di ragazzi che tra mille ostacoli alla fine riesce a raggiungere il suo sogno?

Se credete nell'amore a prima vista, o all'amore che supera qualsiasi complicazione, potete creare una storia d'amore epica; prendete in considerazione Shakespeare nell'opera di  "Romeo e Giulietta".

L'amicizia per voi è il valore più importante al mondo? Bene! Scrivete una storia che tratta di due personaggi uniti da un'amicizia indissolubile, difficile da rompere perché nonostante le mille divergenze, il sentimento è più forte di tutto il resto del mondo.

La famiglia è un altro messaggio chiaro che di solito troviamo nei romanzi, ad esempio, nel "Il bacio maledetto" di Lisa Decrochers.

Il bene contro il male ruota attorno alle migliori storie che io abbia mai letto, faccio alcuni esempi conosciuti, "Harry Potter", "Il signore degli anelli", "Divergent."

Siete riusciti a capire cosa veramente volete comunicare?

Vi rivelo un segreto che non tutti hanno compreso: il messaggio non è altro che l'idea della vostra storia.

Pensateci bene, se volete raccontare le vicende di due innamorati, quale sarà alla fine il messaggio che volete comunicare?

Se riguardate con attenzione a metà di ciò che ho appena scritto, vi accorgete del fatto che ho inserito di proposito un'allusione all'idea del messaggio, quanti di voi se ne sono resi conto? E quanti di voi hanno capito questo piccolo concetto?

Sono i piccoli dettagli a fare la differenza, non dimenticatelo mai.

Credo di essere stata abbastanza chiara nello spiegare cosa sia un messaggio tra le righe di un romanzo, se però avete qualche domanda, sono felice di rispondervi.

Proviamo ad eseguire un semplice esercizio per coinvolgervi ulteriormente nel progetto:

Cosa significa per voi comunicare un messaggio tra le righe di un romanzo e quale preferite usare nei vostri testi e quanta importanza ha per voi?

Di conseguenza potremo analizzare in modo approfondito il tema trattato.


A presto, come sempre la vostra Sharon.

Commenti

  1. Ciao Sharon. Concordo con te nel dire che qualunque romanzo o storia deve veicolare un messaggio. Tutti dobbiamo saper rispondere in poche parole a due domande.
    Cosa vuoi dire col tuo romanzo?
    Di cosa parla il tuo romanzo?
    Se non si riesce a rispondere o si usano troppe parole per arrivarci, allora la storia ha qualcosa che non va. Concordo quindi con ciò che hai scritto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicola;
      Grazie per la partecipazione!
      Esatto, hai detto bene, bisogna saper rispondere alle due domande in poche parole, altrimenti il messaggio non è stato chiarito bene e pertanto non trovo l'utilità di scrivere un romanzo senza che abbia qualcosa da dire!
      Vale lo stesso discorso per la sinossi, molti si lamentano di non riuscire a scriverla in una pagina, ma la richiesta di tale modalità serve proprio all'editore per capire se l'autore abbia davvero in mente il messaggio del suo romanzo e la storia stessa!
      Grazie ancora per il commento, a presto!
      Sharon.

      Elimina
  2. Sono Gerald. nei miei romanzi cerco sempre di affrontare un tema a me molto caro: il senso della vita. Mi piace mettere i miei personaggi di fronte ad una realtà dove sono costretti a mettersi in gioco a livello di identità. Fanno i conti con il loro passato, che li condiziona in modo sia positivo che negativo, e sono costretti ad evolversi se vogliono affrontare e superare i grandi ostacoli dell'esistenza. Il messaggio che cerco di trasmettere è che la vita di ciascuno di noi è una ricerca continua di evoluzione e conoscenza di se stessi e di ciò che ci circonda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gerald, é sempre bello sentire il tuo parere e grazie dell'interessamento.
      Il messaggio che intendi trasmettere é ammirevole ed importante, inoltre nella storia che ho letto si capisce, poiché é significativa e si deduce dal modo in cui hai appunto costruito i tuoi personaggi.
      Trovo che il senso del messaggio da comunicare sia di vitale importanza affinché una storia faccia innamorare i lettori e ciò che ti sei imposto tu é lodevole. Un bel obbiettivo, che sei riuscito a veicolare 😊😊 A presto, ciao ciao.

      Elimina

Posta un commento

Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi rimanere aggiornato sulla conversazione via e-mail ti consiglio di mettere la spunta su "inviami notifiche".
Il tuo parere conta, ma non dimenticarti di esprimerlo!

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico?

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico? Il titolo di per sé dovrebbe darvi un'idea dall'argomento che tratterò in questo articolo, ma perché la paura di parlare in pubblico da parte di uno scrittore? 
Come molti di voi sapranno non è proprio una cosa naturale per uno scrittore parlare in pubblico, perché tutto ciò che si ha da dire lo si comunica attraverso le parole scritte, ma allo stesso modo è inevitabile dover raccontare a volte ciò che si crea.

Quindi come si fa a superare questa paura? 

Non esistono formule magiche, e neppure esercizi di preparazione, ma penso di potervi rincuorare raccontandovi la mia recente esperienza.

Può essere semplice?  

Diciamo per così dire!

In questi giorni mi è capitato di parlare in pubblico, per un attimo ho temuto il peggio per la mia stessa sanità mentale e capisco che possa sembrare facile a parole, ma con i fatti è tutt'altra storia.

Parlo quindi a discapito di ciò che credevo e pensavo, finché non ho provato l'es…