Passa ai contenuti principali

14 guida: Usare il Brainstorming nella scrittura di un romanzo


Come scrivere un romanzo e comunicare un messaggio:
Quattordicesimo capitolo
- Come usare il Brainstorming nella scrittura - 


Come vi avevo accennato negli argomenti passati, quest'oggi parleremo del Brainstorming e di come usarlo nella scrittura.

Sembra un metodo complicato, ma in realtà è un passaggio piuttosto semplice e anche divertente.

Come sempre armatevi di tempo e di fogli bianchi, ormai avrete capito che a me piace scrivere nel vecchio modo, lo considero più umano e più intimo, ogni scrittore ha un particolare legame con la carta, quindi cerchiamo di non dimenticare le vecchie tradizioni.

Il Brainstorming consiste in una specie di scrittura liberatoria, cioè quando si scrive con il flusso di coscienza e tenendo a mente questo metodo, dovete appuntare per ogni personaggio tutte le cose che vi vengono in mente.

Mi spiego meglio, se il vostro protagonista maschile è un dottore rinomato, dovete fare un elenco, esempio: sangue, morte, dolore, pazienti, camice, cartella clinica, ago, siringa, disinfettante, ambulatorio, pronto soccorso, reparto, ecc..

Avete capito che cosa intendo?

Questo metodo vi servirà in seguito quando non avrete tante idee, potrete usare queste parole e trovare delle nuove scene da scrivere.

In realtà in Brainstorming significa in italiano "tempesta di cervelli" e questo termine si usa per indicare una modalità di lavoro in cui viene sfruttato il gioco creativo dell'associazione delle idee; la finalità è fare emergere diverse possibili alternative in vista della soluzione di un problema.

Ovviamente ho sfruttato il Brainstorming a modo mio ancor prima di saperne il significato e vi consiglio di provare anche voi a usarlo, perché non c'è modo migliore che scrivere sapendo quello che si vuole comunicare. 

Divertitevi a fare questo lavoro, se avete domande, chiedete pure.

Esercizio:

Eravate a conoscenza di questa modalità di lavoro?

Secondo voi serve davvero per scrivere un romanzo?

A presto, come sempre la vostra Sharon.

Commenti

  1. No non ero a conoscenza di questo metodo, ma devo dire che sembra veramente interessante proverò ad utilizzarlo :) e secondo me sì può servire per stendere un romanzo soprattutto quando si è a corto di idee ^^"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia;
      Si esatto, questo metodo serve proprio per evitare di rimanere a corto di idee.
      Lavorando con le domande ad ogni passaggio subentrano le risposte che portano a loro volta a delle nuove idee!
      Un metodo davvero utile e te lo consiglio.
      Fammi sapere se lo utilizzerai e come ti troverai!
      A presto.
      Sharon

      Elimina
    2. Ciao Sharon, non conoscevo questo metodo e, ammetto, che potrebbe essermi molto utile. Grazie del bell'articolo :)

      Elimina
    3. Ciao Vanessa, come sempre è bello sentirti!
      Mi fa davvero piacere possa esserti di aiuto, se decidi di provare, sarei curiosa di sapere come ti troverai con questo metodo.
      A presto, un abbraccio.
      Sharon

      Elimina

Posta un commento

Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi rimanere aggiornato sulla conversazione via e-mail ti consiglio di mettere la spunta su "inviami notifiche".
Il tuo parere conta, ma non dimenticarti di esprimerlo!

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…