Passa ai contenuti principali

11 guida: Prendere appunti nella stesura di un romanzo


Come scrivere un romanzo e comunicare un messaggio:
Undicesimo capitolo
- L'importanza di prendere appunti - 


Spero davvero che questa sia una bella esperienza per voi, come lo è per me.

A che punto siete con il romanzo? 

Riuscite a scrivere almeno un paio di pagine al giorno? 

Ormai le basi le abbiamo costruite, la storia e il messaggio ci sono, l'ambientazione l'avete scelta e avete a disposizione due buoni metodi per scrivere un romanzo con ordine e logica, ma per essere sicura che tutti siate allo stesso punto, vi lascerò ancora un giorno per lavorare su quanto appreso fino ad adesso.

Tutto ciò che sto condividendo con voi ho impiegato anni per impararlo, e nessuno me lo ha spiegato, ho capito da sola, sbagliando e riprovando alla fine ho compreso come migliorarmi, pertanto tutti i miei consigli sono personali e nessuno è obbligato a seguirli alla lettera; l'unico motivo per cui ho deciso di creare questa guida, è perché mi piacerebbe aiutare giovavi scrittori alle prime armi, ricordo come mi sentivo scrivendo il primo romanzo, non avevo idea di quello che stavo facendo, avrei voluto consigli, ma nessuno era in grado di darmeli e l'aiuto che tanto speravo non è mai arrivato, quindi sono felice di poter essere, in qualche modo, un punto di riferimento per chiunque abbia voglia di migliorare.

L'argomento di oggi non è propriamente una lezione guida, ma ad ogni modo, a volte serve anche inserire un post meno complicato, il tempo è una risorsa e andrebbe usato in modo costruttivo e capire le basi di quello che vi sto spiegando lo è.
Vorrei però introdurre un piccolo paragrafo sugli appunti che dovreste segnare con le vostre idee.

Vi consiglio di tenervi sempre a portata di mano un foglio e una penna, annotate tutto quello che vi passa per la testa, anche il più insignificante dettaglio, magari potrebbe servirvi successivamente nel percorso, e vorrei anche aggiungere una nota: se avete avuto un'idea e giustamente l'avete appuntata,  ma rileggendola essa non vi comunica un susseguirvi di altre idee che dovrebbero snodarsi e creare un buon intreccio, allora cancellatela e dimenticatela.

Le migliori idee sono quelle che non scompaiono nei meandri della mente, quelle che a ripensarci  hanno un senso definitivo, quelle che si possono modificare, ma che hanno una solida base, tutte le altre non sono degne di nota e risulterebbero, a lungo andare, solamente forzate, proprio nello stesso modo in cui voi l'avete usata a comando nel romanzo.

Un buon lettore conosce la differenza tra un'idea spontanea e un'idea forzata, perché la storia crollerebbe su se stessa, i personaggi non riuscirebbero a muoversi in una scena che non gli appartiene, e cosa ancora più importante, non esisterebbe un finale da poter scrivere.

Più avanti parlerò di come usare il Brainstorming nella scrittura, non è propriamente un metodo che si utilizza in questo campo, ma io ho trovato il modo di modificarlo alle mie esigenze, forse non vi servirà a niente, però ve lo spiegherò lo stesso.

Se avete delle domande sono sempre a disposizione!

Esercizio: 

Avete sempre a portata di mano un blocco per scrivere degli appunti?

Vi appuntate tutto quello che vi viene in mente?

Oppure solo quello che ritenete importante per la vostra storia? 

A presto, come sempre la vostra Sharon.

Commenti

  1. Ho sempre un blocchetto per appunti con me. In realtà passo tutta la giornata in dry writing, ovvero immaginando storie che prendono spunto da quello che osservo. Certo non tutto va a finire in un racconto o romanzo, ma io intanto appunto. Connessioni, associazioni linguistiche, impressioni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria, é un piacere sentire il tuo parere in merito e mi trovi perfettamente d'accordo con te.
      Anch'io sono solita avere a portata di mano un blocco per appunti, poi con la nuova tecnologia anche il telefono é utile in quest'ambito e anch'io osservo tutto ciò mi circonda, dalle movenze delle persone, i paesaggi che incontro, ai dettagli insignificanti che cerco di usare per rendere veritiero ciò che descrivo 😊

      Elimina
    2. Vero. Il telefonino aiuta!Sapessi quante foto assurde ho scattato ultimamente... Per esempio qui all'Elba dove sono per qualche giorno c'è un Paese che si chiama... Cavoli! Evocativo un tot...

      Elimina
    3. Posso immaginare le foto assurde, ma che poi hanno sempre qualche dettaglio da regalare.
      L'isola d'Elba?
      Non ci sono mai stata, ma deve essere un paesaggio emozionante 😊
      Che nome bizzarro per un paese 😊

      Elimina

Posta un commento

Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi rimanere aggiornato sulla conversazione via e-mail ti consiglio di mettere la spunta su "inviami notifiche".
Il tuo parere conta, ma non dimenticarti di esprimerlo!

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico?

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico? Il titolo di per sé dovrebbe darvi un'idea dall'argomento che tratterò in questo articolo, ma perché la paura di parlare in pubblico da parte di uno scrittore? 
Come molti di voi sapranno non è proprio una cosa naturale per uno scrittore parlare in pubblico, perché tutto ciò che si ha da dire lo si comunica attraverso le parole scritte, ma allo stesso modo è inevitabile dover raccontare a volte ciò che si crea.

Quindi come si fa a superare questa paura? 

Non esistono formule magiche, e neppure esercizi di preparazione, ma penso di potervi rincuorare raccontandovi la mia recente esperienza.

Può essere semplice?  

Diciamo per così dire!

In questi giorni mi è capitato di parlare in pubblico, per un attimo ho temuto il peggio per la mia stessa sanità mentale e capisco che possa sembrare facile a parole, ma con i fatti è tutt'altra storia.

Parlo quindi a discapito di ciò che credevo e pensavo, finché non ho provato l'es…