Passa ai contenuti principali

20 guida: Scrivere un romanzo con il flusso di coscienza


Come scrivere un romanzo e comunicare un messaggio:
Ventesimo capitolo
- Scrivere con il flusso di coscienza - 


Buon fine settimana con un argomento che mi piace molto e che permette di lasciare libero il cuore di esternare emozioni e buttarle sulla carta, questo metodo si chiama  scrivere con il "flusso di coscienza", può non aver un filo logico, ma rende la storia vera e trasmette emozioni.

Faccio una prova: scrivete con il cuore, lasciate che sia esso a prendere il sopravvento sulla testa.

Le emozioni lasciatele emergere, devono marchiare a fuoco il foglio.

Guardate dentro lo specchio dell'anima e il riflesso dovrebbe farvi capire chi siete, scorgete oltre le crepe quello che si cela, scoprite voi stessi.

L'amore, il dolore, la tristezza, la felicità, la gioia, il risentimento, lo sfinimento, la delusione, la rabbia, l'amarezza, sono emozioni reali, vere e quindi fatene tesoro.

Ricordo il suo viso, le sue carezze, la sua voce, i suoi occhi eppure un velato senso di incertezza ricopre la positività del momento.
Non si può vivere senza queste sensazioni, sarebbe come far morire l'anima.

Non lasciate che il dolore vi porti via tutto il resto, l'apatia può essere un'emozione devastante, cancella tutto ciò che vi rende unici, annulla tutto ciò per cui avete lottato.

Eppure succede: vi siete mai chiesti perché guardando il vostro ex amore non proviate niente? 

Avete lasciato scomparire tutto per evitare il dolore, ma non è naturale, è sbagliato, bisogna affrontarlo e uscirne vittoriosi, farne tesoro e imparare una cara lezione.

Col senno di poi è sempre facile parlare, ma quando si è in quel preciso momento della vita, non si può fare a meno di farsi risucchiare in un baratro nero e lugubre.

Scrivere è passione.
Scrivere è comprendere.
Scrivere è ascoltare.
Scrivere è creare.
Scrivere è provare.
Scrivere è trasmettere.
Scrivere è emozionare.
Scrivere è dolore.
Scrivere è sacrificio.
Scrivere è impossibile.
Scrivere è possibile.
Scrivere è comunicare.
Scrivere è emergere.
Scrivere è soccombere.
Scrivere è amarezza.
Scrivere è fallimento.
Scrivere è conoscere se stessi.
Scrivere è un obbiettivo.
Scrivere è come il sole.
Scrivere è come la sabbia tra le dita, scivola inesorabilmente e scompare.
Scrivere lettere.
Scrivere parole.
Scrivere storie.
Scrivere idee.
Scrivere per amore.
Scrivere per lasciarsi andare.
Scrivere per superare i blocchi emotivi.
Scrivere è come il vento che ti accarezza la pelle.
Scrivere è come l'estate.
Scrivere è libertà.
Scrivere è per sempre.
Scrivere è non arrendersi.
Scrivere è credere nei proprio sogni.
Scrivere è un atto di fede.
Scrivere è illuminante.
Scrivere è una ricerca.
Scrivere è cercare se stessi.
Scrivere è colore.
Scrivere è devastante.
Scrivere è consumante.
Scrivere è deleterio.
Scrivere è forza.
Scrivere un foglio.
Scrivere con la penna.
Scrivere con la matita.
Scrivere è cancellare.
Scrivere è riscrivere.
Scrivere è leggere.
Scrivere è capire.
Scrivere è onestà.
Scrivere è nudità dell'anima.
Scrivere è un modo di vivere.
Provate a lasciare la coscienza libera di emergere.
Scrivete in un flusso continuo e senza logica, lasciate libero il cuore di esprimersi.

Cercate di capire perché dovreste emergere.

Perché sono diversa?

Cosa fa di me una scrittrice di talento?

La passione...No!
La volontà...No!
La conoscenza...No!
La forza di crederci...No!

Dannazione, non trovo una risposta...Voi per caso ne avete una?

Esercizio:

Avete mai provato ad usare il flusso per scrivere?

Come vi fa sentire liberarvi dai pensieri?

Cosa ne pensate di questo modo di scrivere?

A presto, come sempre la vostra Sharon.

Commenti

  1. Ciao Sharon:) finalmente riesco a commentare^^" sono rimasta indietro accidenti!^^" A dire il vero scrivendo con l'istinto non so se si può definire flusso di coscienza...posso dire di non averci mai provato, perché mi sembra molto difficile dare voce alle emozioni e ogni volta che ci provo sembrano sempre piatti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia, è bello sentirti e se ti fa piacere recuperare aspetto la tua opinione.
      In teoria scrivere con l'istinto e con il flusso di coscienza è la stessa cosa, in pratica lasci che siano le emozioni a prendere il sopravvento e pertanto non posso essere piatte, magari è una tua impressione, anche perché non è mai semplice percepire qualcosa che noi già abbiamo. è più semplice che siano gli altri a notarlo.
      Fammi sapere se dovessi provare questo metodo di scrittura.
      Alla prossima.
      Sharon

      Elimina

Posta un commento

Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi rimanere aggiornato sulla conversazione via e-mail ti consiglio di mettere la spunta su "inviami notifiche".
Il tuo parere conta, ma non dimenticarti di esprimerlo!

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico?

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico? Il titolo di per sé dovrebbe darvi un'idea dall'argomento che tratterò in questo articolo, ma perché la paura di parlare in pubblico da parte di uno scrittore? 
Come molti di voi sapranno non è proprio una cosa naturale per uno scrittore parlare in pubblico, perché tutto ciò che si ha da dire lo si comunica attraverso le parole scritte, ma allo stesso modo è inevitabile dover raccontare a volte ciò che si crea.

Quindi come si fa a superare questa paura? 

Non esistono formule magiche, e neppure esercizi di preparazione, ma penso di potervi rincuorare raccontandovi la mia recente esperienza.

Può essere semplice?  

Diciamo per così dire!

In questi giorni mi è capitato di parlare in pubblico, per un attimo ho temuto il peggio per la mia stessa sanità mentale e capisco che possa sembrare facile a parole, ma con i fatti è tutt'altra storia.

Parlo quindi a discapito di ciò che credevo e pensavo, finché non ho provato l'es…