Passa ai contenuti principali

Retroscena del racconto: L'albero di Natale


Retroscena del racconto:
L'albero di Natale


Iniziamo subito con il retroscena del secondo racconto e vediamo di capire insieme gli aspetti che mi hanno portata a scriverlo.

Non c'è un motivo che possa definirsi superfluo se si inizia a scrivere, c'è sempre una buona ragione per farlo, o almeno, per me funziona così, quindi anche questo piccolo racconto è nato con l'intenzione di proporlo allo stesso concorso a cui avevo partecipato l'anno prima, ma che purtroppo non mi aveva selezionata nemmeno per le finali e così mi sono alzata entrambe le maniche cercando di trovare un modo migliore per emergere, ci ho provato senza risultato, però l'importante è non arrendersi mai.

Quando ti impongono un tema l'idea non è così difficile da trovare e poiché si trattava sempre del Natale e non volevo cadere nell'errore di essere ripetitiva, ho pensato fino allo sfinimento a tutti gli argomenti connessi alla festività cercando di collegare un personaggio ai regali, oppure un regalo ad un ambiente e poi così dal nulla mi è venuto in mente l'albero di Natale, quel povero pino che non consideriamo per tutto l'anno, certo ormai si usano quelli finti, ma qualcuno sicuramente avrà ancora a cuor l'albero vero e vivo.

Dopodiché mi sono dovuta concentrare sul modo di caratterizzare il punto di vista di un personaggio che non è un essere umano.

Non è stato affatto facile, insomma mi sono dovuta porre un sacco di domande per capire come renderlo reale: 

Cosa pensa un albero? 

Dove vive? 

Cosa fa durante il giorno? 

Cosa prova ad essere sradicato dalla sua foresta e portato in uno scantinato? 

Come si sente nei confronti degli essere umani? 

Cosa pensa nei riguardi degli animali? 

Come li percepisce i suoi simili? 

Ma un albero può sentire o vedere? 

Forse percepisce solo delle sensazioni?

Ho passato parecchi giorni a trovare delle risposte adeguate a tutto il casino che avevo in testa, ma poi piano piano tutto ha preso forma e il modo migliore sembrava dargli un carattere passivo e triste, fargli raccontare come era vivere nella natura e come in una casa, fargli percepire l'uomo e fargli capire che non siamo poi così diversi.

L'impostazione della famiglia felice che addobba l'albero era un ottimo modo per creare uno scenario a questo personaggio e così ho creato un bambino e i genitori, ed era importante far capire come un albero che di solito consideriamo " morto " abbia a cuore la felicità del piccolo e di come sopporta il dolore pur di sentirlo ridere e alla fine vediamo sempre il povero albero essere testimone del sogno maggior di ogni bimbo: Babbo Natale e i regali sotto l'albero.

Le ricerche per ideare il racconto sono state alla fine molto illuminanti e mi hanno portata a capire meglio quello che volevo comunicare.

Buona giornata, come sempre la vostra Sharon.

Commenti

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe

Analisi del racconto " Il crollo della casa degli Usher " di Edgar Allan Poe
Ed eccoci di nuovo insieme con un altro racconto di Edgar Allan Poe, chi di voi lo conosce, o ha letto una storia di questo supremo poeta americano?
Innanzitutto vorrei esprimere la mia personale impressione di questo straordinario racconto, che tra l'altro ho letto in una mattinata grigia e cupa, di cui le nuvole erano dense e opache, forse volevano illuminare la strada del racconto che stavo per scoprire, o forse, proprio come il protagonista di esso, mi sono sentita incantata dalla superstizione dell'atmosfera funebre della casa degli Usher.
Il racconto inizia con l'arrivo del personaggio proveniente da un luogo remoto del paese, lasciatosi alle spalle un mondo la cui concretezza civile, sociale, geografica non è neppure accennata, il narratore arriva alla casa degli Usher. Esso ci trasporta immediatamente nel mezzo degli eventi, come se la vita del narratore iniziasse nel punto in c…

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico?

Sei uno scrittore, ma hai paura di parlare in pubblico? Il titolo di per sé dovrebbe darvi un'idea dall'argomento che tratterò in questo articolo, ma perché la paura di parlare in pubblico da parte di uno scrittore? 
Come molti di voi sapranno non è proprio una cosa naturale per uno scrittore parlare in pubblico, perché tutto ciò che si ha da dire lo si comunica attraverso le parole scritte, ma allo stesso modo è inevitabile dover raccontare a volte ciò che si crea.

Quindi come si fa a superare questa paura? 

Non esistono formule magiche, e neppure esercizi di preparazione, ma penso di potervi rincuorare raccontandovi la mia recente esperienza.

Può essere semplice?  

Diciamo per così dire!

In questi giorni mi è capitato di parlare in pubblico, per un attimo ho temuto il peggio per la mia stessa sanità mentale e capisco che possa sembrare facile a parole, ma con i fatti è tutt'altra storia.

Parlo quindi a discapito di ciò che credevo e pensavo, finché non ho provato l'es…