Passa ai contenuti principali

Che tu possa volare sulle ali della libertà che la morte ti ha donato


Che tu possa volare sulle ali della libertà che la morte ti ha donato

Questa frase l'ho trovata per caso spulciando il mio primo romanzo, era dedicata alla mia gatta di nome Mia, dopo la sua morte le ho reso omaggio citandola nel libro.

Forse è una cosa stupida da fare o anche solo da pensare, ma lei è stata un campagna di vita, nel bene e nel male. 

Sharon Vescio

Commenti

Post popolari in questo blog

Scrivere con il monologo interiore

Scrivere con il monologo interiore
Quando si scrive usando la tecnica del monologo interiore, non bisogna confondersi con il flusso di coscienza, perché entrambi trasmetto pensieri intimi del protagonista, ma diversamente da quest'ultimo deve avere un filo logico da seguire.
Un flusso non si controlla, sono pensieri buttati a casaccio su un foglio, tipo quando si fa il brainstorming, ma un monologo invece segue uno schema preciso. Attraverso questo stile di scrittura si può identificare la caratterizzazione di un personaggio, poiché lo scrittore si può divulgare su temi specifici e lasciare che emerga l'Io narrante della storia. Vi faccio un piccolo esempio di un monologo interiore di un racconto non ancora usato per un concorso letterario:
La mia storia non è niente di speciale, soprattutto non in confronto alla vita travagliata di Van Gogh, o all'illustre romantico William Shakespeare e nemmeno paragonata al viaggio ai confini dell'immaginabile di Alice nel paese del…